Utente 107XXX
Buonasera, il mio problema oltre alla cellulite (ereditata dalla mamma) distribuita su tutta la gamba, sono degli orrendi accumuli adiposi che rendono le mie gambe sgraziate e sproporzionate col resto del mio corpo. Ho 26 anni, sono alta 1.65 e peso 58 kg. Sono molto minuta di ossatura (circonferenza polso 13.5 cm) e magra nella parte superiore del corpo ma ho quasi 2 taglie di differenza tra busto e gambe. Questi accumuli sono localizzati sui fianchi (le classiche culotte de cheval, ma molto molto pronunciate), nel retrocoscia sotto al gluteo e sopra al ginocchio. Quest'ultimo mi crea molti problemi prchè è veramente antiestetico, praticamente il mio ginocchio non si vede più perchè è "coperto" da questo cuscinetto. Quindi vorrei sapere se la caviazione potrebbe essermi utile (non ho nessuna delle cotroindicazioni che ho letto in altre vs risposte) oppure se ci sono altri trattamenti efficaci che potrebbero aiutarmi. A chi potrei rivolgermi nella provincia di Reggio Emilia? E quali sono, indicativamente, i costi?
Intanto vi ringrazio molto per l'aiuto.
[#1] dopo  
Dr. Francesco Scarpa
24% attività
8% attualità
0% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2008
Buon giorno,
la cavitazione per il suo effetto adipocitolitico le potrebbe essere d'aiuto nel trattamento dell'adiposità localizzata. Visto che soffre anche di cellulite le consiglirei di associare la radiofrequenza, la qule è indicata per trattare la cellulite.
Le consiglio comunque un'accurata visita medica per valutare se la cavitazione possa rappresentare un valido trattamento nel suo caso o se si possano utilizzare trattamenti alternativi (intralipoterapia, laserlipolisi, ecc). A riguardo dell'accumulo nella zona posteriore della coscia e soprattutto la zona del ginocchio meriterebbero un attenta valutazione in quanto, in molti casi, non si tratta solo di adipe ma ci potrebbe essere un contemporaneo ristagno di liquidi.
Riguardo ai costi, le posso dire che sono variabili da professionista a professionista.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 107XXX

Iscritto dal 2009
Buona sera Dottore e grazie per la sua risposta, in merito alla quale vorrei chiederle qualche altra informazione.
In cosa consistono nello specifico i due trattamenti di cui mi parla, ovvero la intralipoterapia e la laserliposi?
Cosa mi consiglia per trattare il ristagno li liquidi?
Secondo lei dovrei fare una visita dall'angiologo? Glielo chiedo perchè mi sembra di aver capito che il ristagno di liquidi è dovuto anche alla cattiva circolazione, ed io ho già dei capillari rotti sulle caviglie e sulle coscie, d'estate mi si gonfiano molto i piedi che diventano rossi e quasi "tumefatti", in più mia madre ha le gambe completamente coperte da vene varicose, capillari rotti e tantissima cellulite.
La ringrazio molto e la saluto cordialmente.
[#3] dopo  
Dr. Francesco Scarpa
24% attività
8% attualità
0% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
la laserlipolisi è l'utilizzo di una fibra laser che introdotta nel tessuto adiposo ne permette lo sciglimento.
L'intralipoterapia, invece, consiste nell'utilizzo tramite iniezione di una sostanza ad azione lipolitica.
Solitamente per i linfedemi consiglio di utilizzare sostanze ad azione drenante ed eventualmente di eseguire sedute di mesoterapia. Tutto, ovviamente, dopo accurata visita medica (eventulmente fatta anche dall'angiologo).
Cordiali saluti