Utente 107XXX
Gentili dottori io e mio marito siamo sposati da 4 anni e da tre proviamo ad avere un figlio Abbiamo entrambi 34 anni, vi esplicito la nostra situazione:
mio marito nel 1998 è stato operato di astrocitoma celebrale a cui sono seguite 33 sedute di cobalto terapia, nel 2003 è stato operato di osteosarcoma teca cranica radioindotto a cui è seguito chemioterapia per circa un anno. Prima di iniziare la chemio abbiamo crioconservato il liquido seminale. Nel marzo 2007 i valori del'esame del liquido seminale davano come reperto anormale e diagnosi oligozoospermia lieve, astenozoospermia lieve, teratozoospermia. Ci hanno consigliato di procedere con la fecondazione assistita dopo 5 cicli di inseminazione intrauterina senza risultato in giugno 2008 abbiamo provato con la tecnica ICSI (con liquido seminale fresco) con tre ovociti inseminati e nessuno fecondato. Successivamente nel luglio 2008 mio marito ha effettuato un ulteriore esame del liquido seminale con il seguente risultato:
Astinenza 3 giorni
Presenza del coagulo Si
Colore Biancastro
PH 7.40
Viscosità Normale
Volume 2.80mL
Fludificazione completa Si
Fludificazione in 30 minuti
Concetrazione spermatica 9.00x10E6/mL
N°Totale spermatozoi 25.20x10E6/eiac.
N°Cellule rotonde 5.00x10E5/mL
Agglutinazione Assenti
Pseudoagglutinazioni Assenti
Agglomerati Assenti
Cellule epiteliali +
Batteri +
Emazie Assenti
Trichomonas Assente
Cristalli Assenti
Motilità dopo 60'(20gradiC) 28.00%
Rapida progressiva(tipo a) 14.00%
Lenta progressiva (tipo b) 14.00%
Non progressiva (tipo c) 20.00%
Immobilità (tipo d) 52.00%
Motilità dopo 120'(20gradiC) 26.00%
Rapida progressiva(tipo a) 13.00%
Lenta progressiva (tipo b) 13.00%
Non progressiva (tipo c) 6.00%
Immobilità (tipo d) 68.00%

ESAME MORFOLOGICO
Morfologia criteri di Kruger:
Forme normali 7.00%
Forme Anormali 93.00%

Valutazione della vitalità:
Eosina test:
Spermatozoi vivi 53.00%
Spermatozoi morti 47.00%

Conclusioni:
Reperto anormale
Diagnosi Oligozoospermia media, Astenozoospermia media, Teratozoospermia.

Volevamo sapere se è possibile migliorare,eventualmente in che modo,la nostra attuale situazione e se conviene provare a eseguire la procedura ICSI con il liquido seminale crioconservato o riprovare con liquido seminale fresco (ci sono dei termini entro i quali il liquido seminale crioconservato non è più utilizzabile?).Vi ringrazio anticipatamente per l'attenzione prestatami.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Cara lettrice ,

uno spermatozoo correttamente crioconservato non ha "scadenze" e, se tenuto alla temperatura programmata di meno 196 gradi C°, è praticamente una cellula "eterna".

Sulla decisione di usate spermatozoi "freschi" o crioconservati solo il suo andrologo può essere determinante.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#2] dopo  
Utente 107XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio per la tempestività dimostrata, volevo chiederLe se secondo Lei visti i valori dell'esame ci sono possibilità di miglioramento magari se mio marito assumesse degli integratori e/o vitamine o altro.

Grazie ancora
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Cara lettrice,

vista la storia clinica di suo marito penso che le autoindicazioni terapeutiche che vuole seguire siano inutili.

Un cordiale saluto

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#4] dopo  
Utente 107XXX

Iscritto dal 2009
Gentile dottor Beretta La ringrazio ancora x i Suoi consigli; purtroppo deduco dalla Sua risposta ke pensare ad un miglioramento delle condizioni sia difficile ancor più pensare di concepire un figlio in modo naturale...pazienza riproveremo con la fecondazione assistita...come si dice in questi casi "La Speranza è l'ultima a morire". Ancora grazie anche da parte di mio marito che è qui accanto a me.
(Se dovessero esserci novità Le faremo sapere e ci auguriamo di poter fare ancora affidamento sui Suoi consigli.) Buon proseguimento
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Cara lettrice,

senza problemi, se pensate che un mio parere vi possa aiutare, io qui sono pronto e, se capace, ve lo darò.

Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com