Utente 107XXX
Buongiorno! Gentili dottori, ho eseguito una valuazione ormonale nel quale ho effettuato la valtazione degli ormoni tiroidei ( FT3, FT4, TSH) e di testosterone totale, LH, FSH. Oltre agli esami "classici".
Gli esami clasici indicano una bilirubina totale un pochino alta 1.29 ( max 1.0) e i trigliceridi un pò alti 245 ( max 180).
Sui trigliceridi lo sapevo da tempo assumo eskim. Gli altri esami vanno bene.

Gli ormoni tiroidei sono normali, in quanto all'interno del range di laboratorio.
Anche gli altri ormoni sono all'interno del range seppur vicini ai valori minimi.

In particolare il testosterone: 3.81 ( range di laboratorio: min 3,0 max 9,0)

Considerando che ho 35 anni può essere considerato il testosterone troppo basso?
In secondo luogo uno stato ansioso e depressivo (assumo seroxat-paroxetina) può incidere su tali valori?
Oppure il fatto che il testosterone sia basso potrebbe essere la causa dello stato ansioso depressivo?
Cordialità

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Giambersio
28% attività
4% attualità
12% socialità
POTENZA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Gentile Utente,
il valore del testosterone che Lei riporta è da considerarsi normale.
Cordiali saluti

[#2] dopo  


dal 2009
Grazie. Ma la produzione di testosterone risente dello stato di depressione-ansia?
Essendo normale ma su valori bassi al limite inferiore praticamente, è consigliabile una terapia aggiuntiva?
[#3] dopo  
Dr. Antonio Giambersio
28% attività
4% attualità
12% socialità
POTENZA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Non è assolutamente consigliabile una terapia sostitutiva con testosterone in quanto il valore riscontrato risulta comunque nei limiti della norma.
Lei inoltre non lamenta nè riferisce alcun sintomo che possa essere ricondotto ad una alterazione della produzione del testosterone ed una terapia sostitutiva potrà essere per lei solo un danno per tutti gli effetti collaterali possibili e non potrà portare alcun vantaggio.
Inoltre ammettendo pure che nel caso specifico sia lo stato depressivo a determinare un calo della produzione del testosterone (cosa non vera perchè i valori sono, come dicevamo, nella norma) il modo corretto per correggere l'alterazione sarebbe quello di trattare la depressione e non viceversa.
Cordiali saluti