Utente 522XXX
Ho 66 anni in buona salute (controllo bene ipertensione con 1 zopranol 30 e 1 norvasc 5 al giorno). Ho conosciuto una sudamericana che ha 27 anni meno di me ed è qui per ancora una ventina di giorni perchè in visita a sua sorella e poi torna in Ecuador.
So che una cosa del genere non mi capiterà mai più. Vorrei provare un aiuto chimico per aumentare il numero e la durata dei rapporti.
Può darmi un consiglio, se ciò può essere fortemente controindicato o meno e quale dei due prodotti in oggetto potrebbe avere effetti più favorevoli nel mio caso.
Pregandola di tener presente che il tempo, nel mio caso, è oro La ringrazio per l'eventuale risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
gli aiuti chimici vanno sempre e comunque cuciti addosso come un abito, prendendole le misure dal vivo. Capisco la sua fretta, ma capisca il mio timore di far danni, non potendola vedere dal vivo.
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

si ricordi che ad Alessandria e dintorni non mancano andrologi esperti da consultare "adeguatamente" in diretta.

Come detto dal collega Cavallini non sono queste "situazioni cliniche" che si possono affrontare via e-mail.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com

[#3] dopo  
Utente 522XXX

Iscritto dal 2007
Capisco che prescrivere farmaci via e-mail sia poco ortodosso ma non è questo che chiedevo. Vorrei solo sapere se una pillola in questione al giorno per una quindicina di giorni può far male in soggetto 66enne in buone condizioni generali, iperteso ma sotto controllo con la terapia già riferita.
Ho fatto questa richiesta perchè un mio conoscente di quasi pari età e in una situazione simile alla mia ha avuto un infarto e in pochi minuti è se ne è andato; magari gli sarebbe successo lo stesso, o forse no ?.
Quanto a recarmi da uno Specialista per questo caso, lo dico sinceramente, non ne ho voglia. Il medico di famiglia non riesce ad immedesimarsi nella situazione e mi sa solo dire che è meglio non andare oltre i limiti imposti dalla natura.
Se non potete darmi indicazioni, ho intenzione di assumere una compressa a giorni alterni.
Potete almeno dirmi se questo tipo di condotta espone a rischi ?
Grazie.
[#4] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
glielo dico in maniera più diretta.
Le linee guida di questo sito, l' ordine dei medici ed il buonsenso impediscono la prescrizione di farmaci via e.mail.
L' automedicazione è sbagliata nell' 80% dei casi (dati del ministero della salute).
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

vedo che un "briciolo" di saggezza le è rimasto e quindi continua ad inviarci messaggi nel tentativo di coinvolgerci in una indicazione terapeutica che intuisce pure lei "azzardata" senza una diretta monitorizzazione da parte di uno specialista.

Quindi "gambe in spalla" e consulti, senza tergiversare oltre in diretta, un esperto andrologo prima di commettere inutili sciocchezze.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com