Utente 594XXX
Ho 37 anni. Da circa due anni sto assistendo ad un calo del desiderio sessuale. Un anno fa mi sono rivolto ad un andrologo che mi ha richiesto una serie di esami.
Testosterone libero 9,2 PG/ML v.rif. 12-40 PG/ML
Tireotropina 1,130 microU/ml (0,270-4,000)
Luteotropina 5,4 mUI/ml (0-10)
Follitropina 5,0 mUI/ml (2-10)
Testosterone 3,87 ng/ml (2,4-12.0)
Prolattina base 5,0 ng/ml (3,0-30,0)
Prolattina 30' 7,0 ng/ml

Spermiogramma normale

Ecodoppler ed ecografia scrotale: varicocele dx di primo grado e sin di primo-secondo grado.

L'andrologo mi ha allora prescritto una terapia con STRIANT cp, la prima volta 1cp/die per 30 gg seguita da 1cp/due gg per 60 gg (testosterone al termine della cura 2,67 ng/ml, testosterone libero 9,9 PG/ML, nessun aumento del desiderio sessuale); la seconda volta subito dopo 1cp/die per 90 gg (testosterone a distanza di un mese dal termine della cura 2,68 ng/ml, testosterone libero 9,1 PG/ML, nessun aumento del desiderio).

Ad una successiva visita il mese scorso l'andrologo mi ha prescritto NEBID fiale 1000/4 ml. Dovrei iniettare la prima fiala, eseguire dopo circa 9 settimane gli esami del sangue (fsh lh tsh prolattina colesterolo trigliceridi testosterone tot e libero)e la settimana successiva iniettare la seconda fiala. Successivamente visita di controllo.

Siccome l'andrologo mi ha detto che se non dovessero esserci cambiamenti penserebbe all'opportunità di una visita endocrinologica, mi chiedo se non sia il caso di farla prima di eseguire la terapia.
Mi piacerebbe avere un altro parere sul percorso che sto seguendo e, soprattutto sull'opportunità di eseguire una terapia così pesante come mi pare sia quella con il NEBID.
Ringrazio già da ora per la cortese attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
la mia opinione è che sin dall'inizio lei non necessitasse di testosterone, in quanto i suoi livelli di testosterone totale erano nella norma.
Puoò essere che il calo della libido abbia cause psicologiche.
Consiglierei di sentire una seconda opinione da altro andrologo.
[#2] dopo  
Utente 594XXX

Iscritto dal 2008
Gentile dott. Pescatori, la ringrazio per la solerte risposta. In attesa di un altro eventuale parere di qualche suo collega, le auguro buona Pasqua.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,

oltre alle corrette indicazioni già ricevute dal collega Pescatori, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questo problema, le consiglio di consultare, se non ancora fatto anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=76066

Un cordiale saluto ed una Felice Pasqua.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#4] dopo  
Utente 594XXX

Iscritto dal 2008
Avevo già consultato l'interessante articolo da lei segnalato, gentile dott. Beretta, ma mi è servito rileggerlo. Quindi, se ho ben capito, voi pensate che il mio calo di desiderio sia probabilmente dovuto a cause diverse dalla carenza ormonale, dato che i livelli del mio testosterone totale sono nella norma. Approfitto della vostra disponibilità per rivolgervi un'altra domanda: qual è il ruolo del testosterone libero, che io ho al di sotto della norma? E come mai il suo valore si è modificato pochissimo dopo la terapia con striant?
Ringrazio tutti per l'attenzione.
[#5] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Oggigiorno il dosaggio del testosterone libero è molto poco affidabile, per problemi tecnici. Soprattutto in una persona giovane va più che bene fare riferimento al testosterone totale.
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

confermo quanto detto dal collega Pescatori, rispetto alla quantità totale di testosterone prodotto, solo una piccola percentuale di circa il 2% è in forma libera, ovvero non legata a proteine e quindi disponibile e attiva per l’ingresso nei tessuti.

Questo aspetto è molto importante da considerare quando si vuole determinare il livello di testosterone attivo, perché potenzialmente è il vero indicatore di un deficit di testosterone.

Però la determinazione del testosterone libero è molto complessa e quindi viene indicata oggi particolarmente nei pazienti obesi o in età avanzata, in cui altri fattori a volte tendono ad innalzare il livello di testosterone totale, mascherando così una possibile carenza di testosterone libero.

Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com



[#7] dopo  
Utente 594XXX

Iscritto dal 2008
Grazie dott. Pescatori, grazie dott. Beretta.
Siete stati molto chiari nelle vostre risposte.
Se dovessi aver bisogno di altre delucidazioni non esiterò a contattarvi nuovamente.
Un cordiale saluto.
[#8] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

ci tenga comunque aggiornati sull'evoluzione della sua situazione clinica, se lo desidera.

Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com

[#9] dopo  
Utente 594XXX

Iscritto dal 2008
Grazie per l'ulteriore disponibilità a ricevere nuove informazioni sulla mia situazione.
A presto!
[#10] dopo  
Utente 594XXX

Iscritto dal 2008
Desidererei aggiornarvi sull'evoluzione della mia situazione clinica negli ultimi mesi...
Ho deciso di seguire le indicazioni dell'andrologo che mi ha seguito per completare l'iter terapeutico da lui consigliatomi, così,a fine maggio, ho eseguito un'iniezione di Nebid 1000/4ml (a cui non è seguito nessun aumento della libido). A settembre ho eseguito gli esami di controllo che vi invio:
Testosterone libero 4,5 PG/ML v.rif. 12-40 PG/ML
Tireotropina 1,370 microU/ml (0,270-4,000)
Luteotropina 0,1 mUI/ml (0-10)
Follitropina 0,1 mUI/ml (2-10)
Testosterone 2,19 ng/ml (2,4-12.0)
Prolattina base 9,5 ng/ml (3,0-30,0)
A questo punto l'andrologo mi ha consigliato di procedere con una visita endocrinologica.
Sono abbastanza preoccupato dai risultati degli ultimi esami...Cosa potrebbe essere successo?
Forse dovrei richiedere un consulto ai vostri colleghi nella sezione di endocrinologia, nel frattempo grazie per l'attenzione e per eventuali vostre indicazioni.
[#11] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

purtroppo, vista la terapia indicata, se questa è stata correttamente eseguita, non si riescono a comprendere poi i successivi risultati da lei inviati .

Un cordiale saluto.
[#12] dopo  
Utente 594XXX

Iscritto dal 2008
L'unica parte di terapia che non ho eseguito è stata la seconda iniezione di nebid 1000/4ml a distanza di 10 settimane dalla prima. Per il resto ho seguito scrupolosamente tutte le indicazioni dell'andrologo. Non conosco bene la fisiologia del nostro sistema endocrinologico... Forse, come mi aveva consigliato qualche mese fa il dottor Pescatori, non avrei dovuto assumere testosterone.
Vorrei segnalare due episodi che mi hanno portato ai primi di ottobre al pronto soccorso: un forte dolore in regione inguinale sinistra, non modificabile dalla postura, maggiore alla palpazione, profondo e continuo, associato a minzione frequente(ogni ora)non dolorosa.Mi è stata eseguita un'ecografia all'apparato urinario (non idronefrosi nè litiasi)dopo uno stix urine positivo (microematuria).La diagnosi del medico del pronto soccorso è stata di infezione delle vie urinarie (non confermata dall'esame delle urine effettuato il giorno successivo) e pubalgia (anche se in un soggetto che pratica nuoto non agonistico 2 volte alla settimana e che non ha avuto traumi recenti in zona pubica è sembrata allo stesso medico una diagnosi poco usuale).
Non penso però che questo evento possa essere correlato alla mia situazione ormonale...
Grazie comunque per l'attenzione.
[#13] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

purtroppo rimaniamo un pò al punto di partenza e, senza la possibilità di una valutazione clinica completa e diretta , poco, da quello che lei ci dice, possiamo indicarle di utile e corretto.

Un cordiale saluto.