Utente 108XXX
Ho un morbo di Hashimoto ed assumo Eutirox 100 mg pro die.
Ho effettuto un ECG da sforzo in cui la pressione diastolica dai 100 ai 150 watt di carico e' passata da 80 a 100 mentre la sistolica da 130 a 180 con 100 watt e a 200 con 150 watt.

Il cardiologo e' risultato alquanto preoccupato per l' aumento della pressione diastolica piu' che della sistolica vorrei sapere perche e come controllarla.

La FC e'variata da 56 a 143.

Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, il riportare solo i valori finali del test da sforzo, non permette un'accurata interpretazione del test, in quanto durante tale esame non è importante il solo valore numerico di pressione sistolica e diastolica raggiunto, ma soprattutto in quanto tempo viene raggiunto e per quanto tempo rimanga alterato, soprattutto se i valori pressori risultano alti anche durante la fase di recupero. Tali segni sono infatti indicativi di un franco stato ipertensivo.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 108XXX

Iscritto dal 2009
Test eseguito con incremento di carico di 25 watt ogni 2 minuti.
base hr 56 130/80: 25w hr 85 160/90: 50w hr 89 165/90: 75w hr 103 170/90: 100w hr 108 180/100: 125w hr 116 190/100: 150w hr 143 200/100: dopo 1 minuto di recupero hr 106 160/80: dopo 3 minuti hr 84 150/80.

DP 28500

Ringrazio per la tempestiva risposta.

Colgo l' occasione per salutare e augurare una serena Pasqua.
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, in genere nel corso della prova da sforzo è lecito attendersi una variazione del 20% della pressione arteriosa registrata a riposo. Il fatto che lei abbia raggiunto il valore di 200/100 la collega tra i soggetti ipertesi lievi o border line, per i quali è consigliabile effettuare un più assiduo monitoraggio pressorio e certamente anche un ecocardiogramma, che possa evidenziare o meno alterazioni ipertensive a carico del cuore.
Cordialmente,