Utente 125XXX
Save,vorrei essere breve e conciso e pongo subito i miei 2 quesiti:

1)nella terapia con iniezioni intracavernose, il rischio di fibrosi è veramente maggiore utilizzando mix dove cè anche la papaverina? come ad es. il trimix ( papaverina-fentalomina-pge1) e anche il bimix (papaverina-fentalomina);rispetto invece all'uso del solo alprostadil?
Questo perchè una farmacia mi formisce una miscela di bimix, che dice essere molto più comoda in quanto già miscelata,pronta all'uso e molto più economica..ma se è vero come si legge su riviste specializzate che il rischio di fibrosi è molto maggiore, ne farei volentieri a meno, ma vorrei sapere se questa convinzione è veramente fondata..
(preciso che faccio 1 iniezione a settimana, non di più!)

2) se dovessi utilizzare il caverject ( quindi la sola PGE1):

sinceramente io preferirei poter effettuare l'iniezione non all'istante dopo aver miscelato la polvere col solvente, ma 1-2 ore dopo al max. ( avendo cura ovviamente di tenere nel frattempo la siringa già preparata al fresco). Se invece una volta miscelate le sostanze dovessi iniettare tutto subito, sarebbe molto più scomodo per me,anche come naturalezza nel rapporto con la mia partner.
Dunque posso preparare la siringa e iniettarmela dopo max 1-2 ore? la mia paura è che la polvere di pge1 una volta sciolta perda il suo effetto se non si inietta subito!!
grazie a tutto lo Staff

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
caro lettore,

la fibrosi cavernosa è più frequnte con l'uso di Papaverina. Fentolamina e PGE1 hanno scarsa azione fibrotica.
Il caverjet lei lo può preparare e tenere in siringa anche molte ore prima della iniezione.
Nella mia esperienza gli effetti della temperatura sono molto scarsi sulla efficacia del prodotto
cari saluti
[#2] dopo  
Utente 125XXX

Iscritto dal 2006
Grazie per la risposta;
devo conseguirne che le miscele (bimix e trimix) hanno dunque qualche rischio in più di provocare una posssibile fibrosi, visto che è presente anche la papaverina...
Ho letto su vari articoli che i 2 tipi di miscele ( bimix e trimix)sono consigliati in particolar modo quando la sola PGE1 non da buoni risultati al paziente. Le risulta?

Praticamente vorrei sapere quale consiglierebbe tra le sostanze iniettabili.
grazie
[#3] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

la miscela Bimix non contiene Papaverina ed in genere è più efficace rispetto alle PGE1
cari saluti
[#4] dopo  
Utente 125XXX

Iscritto dal 2006
grazie Dott. Pozza,
scusi se insisto,solo un ultima cosa:
allora il Bimix è una miscela di Fentolamina e Pge1 ?
perchè sono sicuro che in USA chiamano Bimix la mescola di papaverina-fentolam.
Forse in Europa si usano invece queste altre due miscele come dice Lei.
grazie mille
[#5] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
il Caverject va conservato a temperatura non superiore a 25 °C. Attenzione: la soluzione ricostituita deve essere usata immediatamente.
Cordiali saluti.
Prof. Giovanni MARTINO


[#6] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

il Bimix orignariamente era la miscela di Papaverina e Fentolamina
Attualmente, in Europa, si intende Bimix la miscela di PGE1 e Fentolamina.
Ribadisco che la PGE1 può essere mantenuta per giorni, settimane e mesi anche a temperatura ambiente
[#7] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
se parliamo del Caverject, non posso che ripeterLe il fatto che va conservato a temperatura non superiore a 25 °C e che la soluzione ricostituita deve essere usata immediatamente.
Ancora cordiali saluti.
Prof. Giovanni MARTINO