Utente 944XXX
Ho letto alcuni consulti sulle dimensioni del pene. Bè, non è proprio la stessa cosa paragonare le dimensioni di piedi e mani con il pene. Il pene è un organo sessuale, che serve per procreare e per avere (e trasmettere) piacere.

I piedi e le mani non penso siano fondamentali nel rapporto con una donna. Io purtroppo ho lo stesso problema di molti utenti che hanno formulato questo genere di quesito: ho purtroppo soli 10 cm di pene in erezione. Non sapete quanti problemi mi porta questa situazione.

Quando vado (ormai rarissimamente) con una donna non riesco mai a soddisfarla e purtroppo questo mi provoca timidezza, insicurezza e complessi vari, oltre nel vedere nel suo volto il segno della delusione. D'altronde anche noi uomini preferiamo una donna formosa ad una che è senza seno o senza fondoschiena.

La verità è che la lunghezza del pene per un uomo è molto importante, avere una dimensione di 10 cm significa non essere virili, significa divorzio, tristezza, insoddisfazione sessuale e tanti altri problemi.

La mia domanda: Se esistesse un metodo chirurgico sicuro per allungare il pene lo farei subito, d'altronde la medicina riesce ad aiutare molte donne con l'ingrandimento del seno e delle labbra, non capisco perchè non si debba fare qualcosa per risolvere il problema degli uomini micro-dotati che non possono dare e allo stesso tempo avere piacere sessuale.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
caro utente putroppo la chirurgia non da risultati estetici molto soddisfacenti
[#2] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
la chirurgia esteica dei genitali è uno dei capitoli più controversi per risultati tecniche ed indicazioni. I 10 cm bisogna vedere come li ha misurati, che spesso i pazienti peccano per difetto. Ma dal momento che nella sessualità è tutto soggettivo, io personalmente mi regolo così. Invio il paziente a psicologo bravo, ma che sia bravo, per valutare se un eventuale allungamente del pene può dare una mano a alleviare difficoltà relazionali. Se la risposta è si, procedo, se è no lascio stare. Tenga presente che personalmente procedo in circa lo 0.5% - 1% dei casi.
Procediamo per gradi Per intanto consulti un collega per valutare la realtà di quelle misurazionbi, che spesso può avere effeto tranquillizzante.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

mentre alcune considerazioni che lei fa sul problema "dimensioni" sono condivisibili e ragionevoli altre fanno pensare che lei viva la sua sessualità solo in termini "matematici, volumetrici e dimensionali".

Certo , come spesso ripeto, l'apparenza può avere dei risvolti "interessanti e curiosi" come "al circo" ma , mi creda, è mille volte meglio un uomo che sa davvero come procurare piacere al partner e che conosce bene il suo corpo, anche se non ha un pene da "elefante", piuttosto che un "elefante" che, sotto le lenzuola, è un "imbranato" o, peggio ancora, pensa a "come è" e cosa deve fare, ecc, ecc .

Secondo la mia "visione del problema" le posso dire che tecnica, esperienza, sentimento e molta fantasia per un uomo valgono generalmente molto di più dei "centimetri" posseduti.

Credo che pensare ancora solo alle dimensioni del pene oggi vuol dire essere rimasti ad una visione semplice ed elementare della propria sessualità, bisogna fare un pò di strada per arrivare alle scuole superiori!

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com