Utente 109XXX
Gentili Dottori,

Due mesi fa ho avuto un rapporto completamente protetto (orale e vaginale) con una prostituta, in appartamento.
Sto bene e non ho alcun problema nelle zone genitali. A mia moglie, circa 10/15gg dopo il mio rapporto, era stata diagnosticata una cervicite che stava curando con degli ovuli. Tre giorni fa, il ginecologo le ha diagnosticato, per telefono, la Candida, prescrivendole dei farmaci. La cervicite era inizialmente migliorata, ma prima di Pasqua ha avuto questo nuovo (o sempre lo stesso?) problema.
Io in questo periodo sono molto stressato e terrorizzato dall’aids. Non sto dormendo molto, a volte mi sento stanco, ho avuto mal di gola (sono un fumatore), e talvolta mi sembra di avere i sintomi della febbre, ma febbre non ne ho avuta. Leggendo su internet ho visto spesso associare questi sintomi, e anche la Candida, all’aids.
Aggiungo un particolare: durante quel rapporto usammo due preservativi. Mi era terminata l’erezione (fuori dalla vagina) e la ragazza mi ha tolto il preservativo (con il quale la avevo penetrata) con le mani, ne ha preso un altro e forse lo ha toccato anche all’interno (con le mani con le quali aveva tolto l’altro) e me lo ha infilato. Poi è ripreso il rapporto sempre protetto.
E’ possibile che io abbia contratto qualcosa a causa di questo passaggio? L’hiv?
Devo effettuare il test? E dopo quanto tempo?
Devo farmi visitare?
Il numero verde aids mi ha tranquillizzato completamente, ma non riesco a stare sereno.
Vi chiedo cortesemente di rispondermi, perché come si può capire leggendomi, sono molto spaventato.
Vi ringrazio molto
Distinti Saluti

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
caro paziente,
se le cose stanno come ha descritto direi che le possibilità di avere contratto il virus dell'HIV sono quantomeno remote. Ho l'impressione che ci possa essere nella sua sintomatologia anche una sorta di somatizzazione da sensi di colpa e/o da ansia.
Per il resto faccia se proprio vuole, un test HIV fra 3 mesi.

Cari saluti

Dr. Mocci
[#2] dopo  
Utente 109XXX

Iscritto dal 2009
Dottore la ringrazio,
scusi l'insistenza, ma i sintomi di mia moglie sono dunque completamente scorrelati?
Il test, giusto per metterci una pietra sopra, dovrei farlo tra 3 mesi o a tre mesi dall'evento?
grazie ancora
arrivederci
[#3] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Salve,
3° e 6° mese, per eccesso di zelo, ma faccia attenzione con queste pratiche, mi raccomando davvero.
Cari saluti

Mocci
[#4] dopo  
Utente 109XXX

Iscritto dal 2009
Salve,
ho effettuato un test ELISA al 71° giorno. Esito: NEGATIVO.
Però continuo ad avere, a giorni alterni, senso di stanchezza o di febbre e mal di gola.
Semplice agitazione o influenze stagionali?
o devo continuare a preoccuparmi fino a 90gg?
Se i sintomi che sento da diverse settimane fossero stati dovuti ad un eventuale contagio, il test sarebbe potuto apparire negativo? (questo è molto importante per me)
cosa mi consigliate?
grazie
[#5] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Caro paziente,
io cercherei in direzione diversa con il mio curante. Consideriamo altre possibilità non correlate all'accaduto, che, se mi posso permettere, la STA FACENDO VIVERE PARECCHIO MALE IN QUEST'ULTIMO PERIODO. mA DA QUEL PUNTO DI VISTA STIA TRANQUILLO.
iN BOCCA AL LUPO

Mocci