Utente 108XXX
Salve, ho già posto altri quesiti su questo sito e mi son trovato molto bene. Ciò che mi accingo a chiedere ora è un problema serio che mi tormenta da tempo, di cui ho già parlato coi genitori e per cui ho già effettuato vari esami con esito negativo. Ho 17 anni, tra poco 18. Allora il tutto è iniziato circa un anno e mezzo fa quando un giorno sono semi svenuto perchè provato dei sintomi tipo da congestione quindi formicolio, sudori freddi, pesantezza, tachicardia ecc. Questa situazione poi nel corso del tempo si è verificata più volte, ovvero in seguito a quella volta circa una volta al mese mi veniva uno di questi "attacchi". Ad aggiungersi a tutto ciò inizai anche ad avere tachicardia in seguito ad attività fisica anche non eccessivamente intensa. Spesso poi mi sentivo anche durante la gironata normalmente come se il cuore saltasse un battito e mi è stato detto che sono delle extrasistoli e che può essere normale averle. Allora in seguito a tutto ciò sono andato a fare degli esami; ho fatto più volte l'elettrocardiogramma sempre con esiti negativi al massimo mi hanno trovato una piccola aritmia ma comunque niente di rilevante insomma tutto ok. Ma visto che i sintomi continuavano mi sono rivolto ad un cardiologo e ho fatto sia l'elettrocardiogramma sia l'eco al cuore ed il tutto ha dato esito negativo ovvero non sono state evidenziate malformazioni, ne problemi di alcun genere solo appunto qualche extrasistole ma niente di che. Ora...dopo la visita dal cardiologo forse anche perchè mi ero tranquillizzato (è da qui l'idea che possa essere una cosa anche psicologica) per circa 3 mesi non ho più avuto niente di che. Poi di colpo è ricomparso tutto e peggio di prima difatti ora oltre a provare tutti quei sintomi e anche più frequentemente provo anche dolore al torace specialmente nella posizione del cuore più verso sinistra, senso di costrizione, pensantezza e anche a volte nelle fasi più acute dolori al bracci sinistro. Adesso stiamo pensando seriamente di fare l'holter che era l'ultimo esame che il cardiologo aveva consigliato per approfondire anche se lui aveva detto che non avevo problemi ed era solo se volevamo andare a fondo del perchè della tachicardia. Ma ora questa diagnosi non mi rassicura più per niente visto che sempre più frequentemente sto male. Ad esempio ieri sera ho fatto uno sforzo dopo mi è iniziata la tachicardia, e poi stamattina appena sveglio mi sono iniziati i sintomi che non mi sono ancora terminati visto che ho fitte al torace e senso di costrizione. Cosa fare? Possibile tutto ciò con tutti gli esami negativi? Io ho davvero paura. Mio padre è scettico perchè nel senso mi ha portato a fare tutti gli esami e non ho niente (secondo questi)mia madre invece adesso sta prendendo in considerazione l'ipotesi dell'holter. Davvero sono spaventato ho paura di morire anche perchè prima non avevo mai avuto dolori ora son comparsi anche quelli. Ammetto comunque di essere un tipo sostanzialmente ipocondriaco e ansioso. Grazie mille!!!!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, ritengo che la componente emotiva/ansiosa sia sicuramente preponderante nell'esaltazione dei suoi sintomi. Per maggiore sicurezza, le consiglio comunque di eseguire l'esame Holter cui necessariamente aggiungerei un prelievo venoso per la valutazione della funzionalità tiroidea. Se tutto risultasse negativo e i suoi sintomi fossero ancora presenti, consideri l'ipotesi del consulto psicologico.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 108XXX

Iscritto dal 2009
Gentile Dottore, si, ora parlerò con mia madre e farò pressione per eseguire al più presto l'holter in modo da togliere ogni ombra di dubbio su possibili problemi di cuore, anche se avendo già fatto l'elettrocardiorgamma e pure l'eco cioè bho mi sembra strano che non mi sia stato già trovato un eventuale disfunzione. Sicuramente centra la componente psicologica questo lo so perchè mi conosco e riguardo alla mia salute sono ansioso, se percepisco il minimo sintomo mi concentro del tutto su quello e logicamente tutto si enfatizza, per quel che ne so io magari soffro pure di attacchi di panico non saprei. Certo è che i sintomi li sento e non poco ed è difficile a volte convivere con essi visto che mi tormentano, mi spaventano, mi fanno spesso dire di no a molte cose per paura di provarli. Riguardo alla tiroide posso aggiungere che mangio come un maiale e resto magrissimo però data l'età e dato che molti miei amici sono nella mia condizione non penso che possa centrare però non sono un medico quindi! XD! Ho solo tanta paura...ed è comprensibile credo...anche visto che l'altro ieri un conoscente di 20 anni dopo aver provato forte male al braccio ha avuto un'improvvisa emorraggia celebrale dovuta ad una malformazione congenita quindi insomma anche questa notizia mi ha scosso ulteriormente...
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, purtroppo le cattive notizie soprattutto di questi giorni abbondano!, ma fortunatamente la vita quotidiana ci offre tanti spunti per essere felici e godere di esser sani. Cerchi di essere più posivo in tutti gli atti della sua vita.
Saluti
[#4] dopo  
Utente 108XXX

Iscritto dal 2009
Si certo ci provo sempre.
Ma, approfittando della sua gentilezza, volevo porle qualche quesito.

1) Ho notato un certo rapporto tra l'apparire di questi miei sintomi e giornate passate tutto il tempo in casa a chino sui libri o sul pc anche subito dopo mangiato, e soffrendo io di un reflusso gastro-intestinale e di frequenti bruciori di stomaco, mi domandavo se ci potesse essere una relazione appunto visto che spesso questi sintomi mi si presentano dopo magari aver trascorso tutta la giornata in casa sui libri o sul pc. Non sempre, ovvio, ma spesso. E ho anche notato che, sottolineo a volte, digerendo questi sintomi, se ce li ho, si alleviano. Mi domando dunque se ci possa essere una qualche relazione?

2) Ma secondo lei cosa potrebbe essere così ad occhio visto la negatività di tutti gli esami, ma la presenza costante di questi sintomi spesso e volentieri?

3) Ma è possibile un infarto o arresto cardiaco in seguito a questi sintomi? A volte mi sembra di morire...

Grazie, grazie davvero.
Cordiali Saluti!
Grazie ancora!
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, lei ha solo bisogno di un adeguato supporto psicologico. I sintomi da lei descritti, sono sicurmante enfatizzati da una alterata componente emotiva. Saluti
[#6] dopo  
Utente 108XXX

Iscritto dal 2009
Ok dottore mi fido! Però non mi sento da psicologo...lo so che ci dovrei andare ma è solo che riguardo alla salute mi faccio dei problemi tremendi ogni sintomo è per me grave. Mettiamo ce mi sento mal di testa bè penso sia un tumore...Lo so che non è normale però se voglio riesco a controllarmi se non cado troppo nel panico...
[#7] dopo  
Utente 108XXX

Iscritto dal 2009
Ok dottore mi fido! Però non mi sento da psicologo...lo so che ci dovrei andare ma è solo che riguardo alla salute mi faccio dei problemi tremendi ogni sintomo è per me grave. Mettiamo ce mi sento mal di testa bè penso sia un tumore...Lo so che non è normale però se voglio riesco a controllarmi se non cado troppo nel panico...