Utente 348XXX
Salve dottori, quest'estate ho dovuto tenere una flebo al polso destro per diversi giorni e già dal secondo giorno il braccio si era gonfiato molto. Fin qua tutto normale, il gonfiore si è poi attenuato pochi giorni dopo che mi fu tolta ma mi rimase un grosso livido proprio dove "l'ago" della flebo terminava. Pensavo andasse via invece vedo che è rimasto e c'è dell'altro: la vena, dal punto in cui la flebo ha bucato, fino a dove terminava l'ago, ha come perso tonicità, non si ingrossa come le altre vene se faccio pressione.
Inoltre, e ciò mi induce a chiedere consulto, recentemente, mi sono accorto che, nella parte dove finiva l'ago della flebo, si è formata come una ciste che sembra si muova al tatto.
Ora, mi rendo conto effettivamente che talvolta mi preoccupo un po' troppo della mia salute ma questa ciste non mi fa presagire niente di buono e da profano la indico come la causa di questo sgonfiamento della vena con perdita di irrorazione.

Grazie per l'eventuale aiuto,
Daniele

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile Daniele, sebbene non ritenga che una vena periferica possa "presagire qualcosa di male", solo la visione diretta del suo braccio potrebbe far comprendere la "gravità" del suo problema. On line è impensabile darle appropriate notizie. Consulti il suo curante.
Saluti