Utente 109XXX
Buonasera,
in data odierna ho fatto un ecocolordoppler arti inferiori, dalla scorsa estate ho problemi alle caviglie (Ulcera)che portroppo ho trascurato e mi hanno curato male per non aver individuato subito il problema. Comunque volevo solo chiedervi il significato del referto e come secondo voi devo procedere, Allego testo del referto: Pervio e continente il sistema venoso profondo e superficiale, bilateralmente.
In attesa di un vostro riscontro vi saluto cordialmente.
[#1] dopo  
Dr. Lucio Pennetti
32% attività
8% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2009
Gentile utente qual'è la sua età,è diabetica,obesa o altro?Ha subito un precedente trauma?
L'integrità dell'asse vascolare(versante venoso e arterioso(non descritto)degli arti inferiori mi lascia perplesso.
La saluto
[#2] dopo  
Utente 109XXX

Iscritto dal 2009
Gentile Dott. Pennetti,
la ringrazio per avermi risposto, ho 45 anni di sesso maschile, quando mi hanno detto che avevo un'ulcera venosa o arteriosa alla caviglia ho fatto una prova per il diabete dove risulta che non ho niente, sono alto 1,95 e peso 115Kg. circa. In passato ho avuto problemi di flebite ma ero molto giovane e quindi o tralasciato.....nel mio lavoro sto molte ore in piedi....adesso un po meno e cerco di evitare il più possibile di stancarmi.La scorsa estate mi sono ferito lievemente (sgraffio) alla caviglia, guarita la ferita si è gonfiata di nuovo e mi hanno curato per una flebite, dopo la ferita si è infettata e continuavano a curarmi per la flebite, da solo ho applicato alla ferita una pomata antibiotica e ho cambiato medico che mi disse che avevo una brutta infezione, curato il tutto mi è rimasta una ferita, che disinfetto quotidianamente, e un lividone, non rimargina completamente.
Spero di essere stato chiaro nella descrizione del problema, ringraziandola di nuovo per il suo interesse la saluto.
R.P.
[#3] dopo  
Dr. Lucio Pennetti
32% attività
8% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2009
La stazione eretta,l'eccessivo peso corporeo e l'edema alle caviglie,hanno sicuramente contribuito a rendere torpida la ferita che trova difficoltà a guarire.
Se il suo medico è d'accordo,mi orienterei per una compressione elastica(calza a compressione graduale)per favorire il drnaggio venoso e linfatico.Se la situazione non migliora,provi con la terapia iperbarica.
[#4] dopo  
Utente 109XXX

Iscritto dal 2009
Gentile Dott. Pennetti,
la ringrazio per i suoi consigli, esporrò il tutto al mio medico, per il momento la saluto e la ringrazio nuovamente.
Buon lavoro.