Utente 991XXX
Mia figlia operata al seno con mastectomia totale è stata sottoposta il giorno 04/02/2009 a visita medico-legale di accertamento legge 104/92. Non avendo ancora ricevuro nessuna risposta dell'esito dell'accertamento mi sono recato all'A.S.L.,ufficio invalidi civili. All'impiegata addetta allo sportello ho richiesto copia dell'atto, ma la stessa mi ha risposto che ciò non era previsto perchè la pratica era stata inviata all'INPS e di conseguenza dovevo aspettare che l'INPS mi inviasse il relativo verbale. Vorrei un vostro parere a riguardo perchè ho la necessità urgente di avere il verbale perchè, avendo mia figlia a carico, debbo segnalare all'INPS la sua eventuale disabilità per l'anno 2009. Ringrazio e porgo distinti saluti. Angelo
[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli
56% attività +56
12 attualità +12
20 socialità +20
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2009
Gentile Utente, questo è sostanzialmente l'iter, che può essere leggermente diverso da Regione a Regione:
1) la Commissione Asl effettua gli accertamenti sanitari ed esprime il proprio giudizio medico-legale. Stabilisce poi la percentuale di invalidità, sulla base di apposite tabelle che raccolgono le patologie più diffuse e la riporta su un verbale.
2) una copia del verbale di visita, completo della documentazione medica, viene poi trasmessa alla Commissione di Verifica dell’INPS (CMV), che deve pronunciarsi entro 60 giorni.
3) qualora la CMV non condivida il giudizio medico-legale espresso dalla Commissione medica Asl, può sottoporre la persona con disabilità a visita diretta o può invitare la stessa Asl ad effettuare accertamenti specialistici.
Se la CMV conferma il giudizio dell’ASL, rimanda alla stessa ASL la pratica.
4) Una volta terminata la procedura di accertamento sanitario, la persona con disabilità riceve direttamente al proprio domicilio dall’ASL una lettera raccomandata con avviso di ricevimento, contenente un originale del verbale di visita.
Dalla data di ricevimento della raccomandata partono i termini per un eventuale ricorso.
5) Se la visita medica ha accertato un'invalidità che dà diritto anche ad una provvidenza economica (assegno, pensione, accompagnamento, ecc.), la ASL unisce al verbale una modulistica che l’interessato deve compilare e consegnare direttamente alla sede INPS di zona non prima di 15 giorni dal ricevimento.
Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 991XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio per la risposta, ma forse non sono stato chiaro nella richiesta di un suo consiglio.Faccio presente che mia figlia ha già ottenuta l'invalidità al 100% e l'accompagnamento, ma io mi riferivo in particolare ai benefici della legge n.104/92 che purtroppo mia figlia ha presentato dopo la richiesta dell'invalidità. A questo riguardo so che gli esiti dell'accertamento hanno efficacia immediata per il godimento dei benefici da essi derivanti e di conseguenza volevo il vostro parere cosa debbo fare per ottenere questo diritto. Grzie ancora Angelo
[#3] dopo  
Dr. Mario Corcelli
56% attività +56
12 attualità +12
20 socialità +20
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2009
Stia tranquillo, la Commissione ASL le invierà la notifica dell'esito dell'accertamento; come sa, i benefici che ne derivano hanno efficacia immediata, anche se l'eventuale inoltro al'INPS può avvenire in un secondo momento.
Cordiali saluti.
[#4] dopo  
Utente 991XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio e mi scusi per la mia insistenza. Cordialmente Angelo
[#5] dopo  
37801

Cancellato nel 2010
il collega deduco,si riferisce anche alla L 104/92 che segue lo stesso iter dell'invalidità.
Aggiungo che , almeno nel Lazio, i tempi (INPS) di 60 giorni sono certamente maggiori.PURTROPPO