Utente 110XXX
salve ho un bimbo di 3 anni: a settembre 2007, in seguito a una diarrea persistente abbiamo effettuato gli esami del sangue e cio' ha rivelato (15/10/07) got 244,gpt 255, rast al latte 2,63 EIA.
Dopo una settimana (22/10/07) senza latte e derivati i valori erano scesi a got 108 gpt174.Nel frattempo siamo andati in visita da un gastroenterologo che vista la diminuzione dei valori ha consigliato la graduale reintroduzione del latte.Cosi' abbiamo fatto e da fine ottobre abbiamo reintrodotto il latte, la carne vaccina ecc.
Il 28/01/08 per scrupolo abbiamo ripetuto le analisi e abbiamo scoperto le got 315 e gpt389 lhd 590, amilasemia 132 ( non so se questi due valori sono importanti, li ho messi perche' anche loro erano sballati) Questo succedeva con il bimbo che non presentava alcun sintomo evidente.
Da allora siamo in cura da un epatologo che ha eliminato definitivamente il latte; abbiamo fatto 4 visite ( l'ultima oggi) con valori delle analisi perfetti.Oggi pero' c'era un'altra dottoressa che al contrario dell'altra epatologa ha proposto la reintroduzione del latte gradualmente nella dieta asserendo che i valori delle ige non erano tali da pensare a una allergia (4,6 a luglio, 5,6 a ottobre).
Io non so che fare: nessuno mi spiega perche' queste transaminasi spiccano con il latte (all'inizio dicevano che non c'era nessuna relazione allergia -transaminasi).Ho paura di sottoporre a uno stress sia il fegato, sia mio figlio che adesso bene o male si è abituato alla sua dieta crescendo molto (pesa 17 kg ed è alto 97 cm).Vorrei capirne di piu', mi puo' aiutare?
grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
20563

Cancellato nel 2010
Non esiste il rast "al latte" ma ad alcune globuline del latte (lattoalbumina, lattoglobulina, lattoferrina ecc.). Una allergia (presenza di IgE) a queste proteine puo' dare manifestazioni allergiche respiratorie, cutanee, al limite shock. Ma effettivamente il livello delle IgE qui e' basso e il bambino, lei dice, non aveva nessun sintomo del genere. Una allergia molto atipica.

D'altra parte nel latte non ci sono solo le globuline, ci sono anche minerali, grassi e zuccheri (es. lattosio), questi ultimi causano notoriamente intolleranza alimentare quando la persona e' carente di lattasi. L'intolleranza al lattosio si manifesta fra l'altro con una grave diarrea (il lattosio indigerito fa da purgante osmotico).

A memoria non mi ricordo che sia frequente un simile movimento di transaminasi causato dalla intolleranza al lattosio. Simili alterazioni sono forse piu' comuni nelle intolleranze al fruttosio (sia da malassorbimento per carenza dei carrier, sia da carenza dell'aldolasi B).

Il bambino cosa mangia? cosa gli piace e cosa non gli piace?

[#2] dopo  
Utente 110XXX

Iscritto dal 2009
grazie prima di tutto per la celere risposta!Allora il mio bimbo mangia di tutto : pasta, carne (adesso solo bianca e maiale), pesce insomma tutto. Non ama la panatura degli alimenti; riesce addirittura a bere il latte di riso a colazione integrandolo con molti, molti biscotti. La frutta gli piace e la mangia voletieri sia fresca che in omogeneizzato.
All'inizio, quando aveva diarrea persistente e facemmo le prime analisi, notammo che anche la frutta (specialmente la banana) gli provocava diarrea acida (talmente acida che gli bruciava il culetto,-allora portava ancora il pannolino- ed era completamente gialla,abbiamo fatto la dieta togliendo latte e frutta un primo periodo e po gradualmente abbiamo reintrodotto la frutta notando che le transaminasi erano regolari.Anche adesso con le transaminasi regolari (quelle di ieri erano got25 gpt55 circa) mangia frutta.
A dicembre 2007, come leho detto avevamo reintrodotto il latte, ma lui non manifestava nessun sintomo di diarrea ecc. è stato un nostro scrupolo controllare (per fortuna!)
C'è un altro evento che non so se è rilevante: giorni fa abbiamo fatto il bagnetto, e per errore ho messo un bagnoschiuma (che poi ho letto alle proteine del latte) che gli ha provocato un rossore generalizzato, solo nella parte immersa nell'acqua, non aveva prurito ma le assicuro che era veramente tutto rosso ( nell'acqua c'era anche la sorellina che non lamentato l'acqua troppo calda).
grazie aspetto sue notizie.
[#3] dopo  
Utente 110XXX

Iscritto dal 2009
buona sera , mi è venuta in mente un'altra questione da porle: le ige alte, che indicano una allergia hanno memoria , nel senso che sono alte anche quando il bimbo non viene a contatto con l'allergene, o sono alte solo quando si introduce tale sostanza? Mi spiego meglio, il fatto che prima di sospendere il latte risultava positivo alle proteine del latte (2.63) e poi interrompendo l'introduzione i valori ige sono tornati normali.
Perchè la motivazione che hanno dato per reintrodurre il latte è il fatto che le ige sono basse, ma lui adesso è a dieta da 1 anno!!
Grazie ancora