Utente 110XXX
salve,volevo sapere se facendo gli esami del sangue per vedere se ho Hiv sifilide o epatite B devo aspettare prima di farli,un arco di tempo dall'eventuale contagio oppure se facendoli subito si può già vedere se sono stato infettato.
grazie,cordiali saluti

Valuta ospedale

[#1] dopo  
66038

Cancellato nel 2009
Cara signorina

In genere chi è stato contagiato dal virus HIV non si accorge di nulla per anni; l'unico sintomo è costituito talvolta da un attacco di tipo influenzale che può manifestarsi nelle prime settimane dopo il contagio. Questa fase asintomatica, che dura in media dai dieci ai dodici anni, è però un periodo di calma apparente perché chi ha contratto l'infezione può contagiare altre persone fin dall'inizio. Per sapere se si è sieropositivi o meno non c'è che un mezzo: fare il test HIV. Chi decide di affrontare il test dimostra senso di responsabilità, verso il prossimo e verso se stesso.

Il test deve essere effettuato al più presto tra le due e le quattro settimane dopo il possibile contagio. Se il test è negativo va ripetuto tre mesi dopo.

Solitamente l'epatite B, come altre malattie che provocano danno alle cellule epatiche, può essere sospettata a seguito della presenza di ittero, bilibinuria (color marsala delle urine) e feci acoliche o ipocromiche (per deficit di stercobilina). Questi segni evidenti di danno epatico però possono anche non presentarsi, impedendo l'avvicinamento del paziente a una struttura sanitaria. Sempre presente è invece l'innalzamento delle transaminasi riscontrabile dopo prelievo ematico con aumenti di ALT e AST superiore a 2000 UI/l e rapporto AST/ALT superiore a 1. Altro valore alterato è quello della bilirubina sia nella sua forma diretta che indiretta. La corretta diagnosi di epatite B può però essere fatta solamente mediante dosaggio dei markers virali specifici

Cordialmente