Utente 108XXX
Buonasera, grazie innanzitutto del Vostro servizio offerto dato che per noi “poveri” pazienti si rivela molto utile. Mia madre ha 76 anni ed ha subito il 15/04 una gastroresezione e gli è stata asportata anche la coliciste. L’intervento è andato bene a parere del chirurgo ma dal drenaggio applicato a lato dx della pancia credo vicino la coliciste fuoriesci del liquido. Si è pensato ad una fistola biliare e dato che le quantità uscite sono le seguenti 17/04 circa 500 cc, 18/04 200cc, 19/04 150 cc, 20/04 450 cc il chirurgo oggi aveva deciso di fare una tac e poi operare chirurgicamente anche se ci sono forti suoi dubbi per l’età di mia madre ed una nuova anestesia. Dopodiché si è consultato con dei suoi colleghi ed ha deciso di attendere e del caso far fare una “puntura” particolare da un radiologo per drenare o fare non so cosa martedì o mercoledì prossimo. Un suo altro dubbio è circa di che tipo sia il liquido che fuoriesce dato che i primi giorni era rosso scuro ora è oro scuro. Cosa ne pensa sempre nei limiti di un consulto a distanza dato che io sono in confusione ovviamente. Ps: ho già mandato una precedente richiesta di consulto. Vi ringrazio per la disponibilità.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Concordo con i Colleghi che hanno in cura sua madre, che stanno adottando un prudente atteggiamento di attesa quanto mai opportuno visto il caso che lei descrive. La TAC potra' presto dare qualche informazione in piu'; il risultato di questo esame e l'evoluzione clinica indirizzeranno le scelte piu' opportune nei prossimi giorni.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Lucio Pennetti
32% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Dopo intervento di gastroresezione,soprattutto se si tratta di una tecnica che prevede l'affondamento del duodeno,bisogna escludere che la perdita biliare dipenda da un punto debole della sutura duodenale.In verità la portata della fistola e la precocità farebbero propendere per una perdita dalla via biliare.La ricerca della amilasi,se assente,nel liquido che fuoriesce conferma che si tratta di una fistola biliare pura.Nella mia esperienza (più di 30 anni di chirurgia)ho avuto casi simili(resezione gastrica + colecistectomia) in cui la portata della fistola bilare pura si è ridotta a volte spontaneamente.Perchè ciò avvenga è indispensabile un buon deflusso di bile in una via biliare libera.In caso contrario è giusta l'ipotesi dei colleghi a fare eseguire una ERCP diagnostica(livello della perdita)ed eventualmente terapeutica(stent)se la ricostruzione non ha escluso il duodeno(se no è difficile ma non impossibile).Altrimenti colangioRM che da le informazioni utili su livello ed entità per decidere nella maniera opportuna.I colleghi che hanno in cura la paziente sceglieranno sicurmente nel miglore dei modi.
La saluto e auuri