Utente 110XXX
Gentilissimi Dottori Buongiorno,
la presente per chiedere Vs. parere su esami effettuati da mia madre, 71 anni, con problemi di ipertensione.
Dopo una serie di controlli, visite da cardiologi diversi, il penultimo consulto non dava alcun tipo di esito preoccupante, anzi, il cardiologo stesso, pur avendola prenotata, non le ha fatto fare ecocardiografia a pagamento rimandando alla normale prassi di prenotazione.
Ieri ha fatto l'ecocardio. Esiti:
VENTRICOLO SINISTRO NON DILATATO CON LIEVE IPERTROFIA OCNCENTRICA. FUNZIONE CONTRATTILE CONSERVATA.
FLUSSO TRANSMITRALICO COME DA DISFUNZIONE SISTOLICA 1° TIPO.
CALCIFICAZIONI PARCELLARI DELL ANELLO MITRALICO POSTERIORE E INSUFFICIENZA LIEVE SECONDARIA.
VALVOLA AORTICA TRICUSPIDE CON SEMILUNARI ISPESSITE. INSUFFICIENZA LIEVE SECONDARIA. MODERATA DILATAZIONE DELL'ATRIO SINISTRO.
IT MODERATA ECCENTRICA DA CUI SI DERIVA PAP s DI 50mm/hg.
conclusioni:
CARDIOPATIA IPERTENSIVA E VALVOLARE
VALVULOPATIA DEGENERATIVA MITRO-AORTICA CON INSUFFICIENZA PREVALENTE LIEVE.
IM TRICUSPIDALE MODERATA SECONDARIA CON IPERTENSIONE POLMONARE SEVERA.

il nostro medico di base è in ferie fino a lunedì...
però così su due piedi, non mi pare ci sia proprio niente che non va, anzi...
in particolare, nelle conclusioni, cos'è la valvulopatia, e l'ultimo punto?
IO VI RINGRAZIO GIA' IN ANTICIPO PERCHè SO CHE FARETE IL POSSIBILE PER RISPONDERE E RINGRAZIO TUTTI VOI PER IL SERVIZIO CHE SVOLGETE.
CORDIALITA'


--
R.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, la descrizione ecocardiografica riportarta evidenzia una normale degenerazione valvolare, fondamentalmente legata all'età della paziente, cui si associa un ispessimento delle pareti cardiache dovuto allo stato ipertensivo. La reale entità delle anomalie riscontrate è determinabile da eventuali esami precedenti, dal tipo di terapia in corso, dalla sintomatologia della paziente. Pertanto, per la corretta interpretazione del referto dovrà comunque attendere il curante o il collega cardiologo di riferimento.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 110XXX

Iscritto dal 2009
Ringrazio moltissimo per la risposta in questi tempi... velocissimi. Grazie di cuore (per restare in tema!)
Non appena avrò novità mi permetterò di ri-disturbarvi per confronti nuovi.
Grazie e buona giornata e buon lavoro.