Utente 110XXX
Salve, vorrei un parere. Ho una vena varicosa evidente sulla gamba destra (l'interno coscia) abbastanza grande, più o meno della grandezza di una penna. Attualmente non mi sta dando grandi problemi, al massimo un po di pesantezza durante l'estate. Avrei intenzione di operarmi, cosa mi consigliate, di farlo ora che si avvicina l'estate (qui da noi gia amaggio comincia a fare abbastanza caldo) o attendere il più mite e fresco autunno? Ci sono rischi ad aspettare fino in autunno? Il mio dubbio è legato al recupero post-operatorio, su eventuali tutori da indossare o altro.

Inoltre vorrei chiedervi quale di questi 2 centri mi consigliate (lo spostamento non è un problema, ho famiglio li vicino):
1) San Matteo - Pavia
2) San Raffaele - Milano

Oltre a questi 2 ospedali, se dovessi decidere di restare in regione, è un intervento che posso tranquillamente affrontare all' Ospedale Civile Dell'annunziata di Cosenza o è meglio rivolgersi ad uno dei centri elencati?

Scusate per le molteplici domande ma ho un po di timore nel farmi operare, ho diversi casi in famiglia di persone operate alle vene varicose alle quali dopo diversi anni si è riproposto il problema anche in forma più accentuata.

Grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

L'approssimarsi della stagione estiva non è favorevole ad affrontare confortevolmente un decorso post-operatorio che prevede di necessità l'utilizzo di un tutore elastico per un periodo più o meno prolungato.
Anche la esposizione al sole va rimandata per consentire alle cicatrici e alle ecchimosi che quasi inevitabilmente compariranno una favorevole evoluzione.
Sull'urgenza di procedere comunque al trattamento e sulla possibile insorgenza di complicazioni durante l'attesa non vi è ovviamente la possibilità di esprimersi a distanza.
Provo difficoltà a ritenere che nella sua Città o nella sua Regione non vi siano professionisti o strutture in grado di offrirle le migliori cure per questo tipo di affezione.
Sulla possibilità di recidiva delle manifestazioni della insufficienza venosa ci sarebbe da scrivere tantissimo: basti qui ricordare che non sempre il reiterarsi del problema è legato ad una chirurgia non ben pianificata o eseguita, pur essendo questi fattori da tenere in considerazione.