Utente 111XXX
Salve, ho 60 anni e questo è l'ultimo anno in cui lavoro, poi andrò in pensione. Il mio lavoro è molto stressante, faccio il portiere in un piccolo hotel per turisti, in genere stranieri, e lavoro dalle 14 alle 23 ogni giorno. Essendo già ansiosa questo lavoro certo non mi aiuta a calmarmi, procurandomi sovente stress, fatica e anche stati di rabbia o forte emotività.

L'anno scorso ho seguito una dieta presso un istituto privato vicino casa mia, e da allora seguo una dieta bilanciata e sono seguita dai medici della struttura per visite di controllo. Prima della dieta pesavo circa 100kg, per un'altezza di 160cm, ora mi attesto su 80-83 kg.
L'anno precedente ho sofferto di una epatite al fegato, avevo già avuto la stessa a 16 anni. Sono comunque guarita.

Come sempre, per lo stress, faccio fatica ad adormentarmi, ho notato che ho un po' di nausea, da sempre ho una sudorazione molto elevata; ultimamente, anche questa mattina, mi capita di avere dei dolori non forti, al petto sopra il cuore, zona a sinstra-alto. Quest'ultimo fatto mi ha messo in allarme e allora vorrei cercare di capire come comportarmi. Il mio problema è il tempo, non avendone molto, devo capire se occorre fare analisi, di che tipo (ho letto in giro di esami del sangue ed elettrocardiogramma, o servono altri?).

Da giugno dovrei andare a lavorare in montagna, a circa 1.100 m, fino ad ottobre. Può essere un fattore di pericolo o al contrario migliorativo? Fino a poco tempo fa andavo spesso a passeggio, in questo periodo molto meno. In montagna abiterò a 600m dal luogo di lavoro, che farò a piedi ogni giorno.

Chiedo gentilmente dei consigli. Grazie, saluti!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Annoni
28% attività
16% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Gentile utente,un piccolo ceck-up cardiologico potrebbe essere utile;incomincerei con le cose essenziali:esami del sangue completi(emocromo,indici di funzionalità renale ed epatica,elettroliti,colesterolo e trigliceridi e visto il passato markers dell'epatite,il suo medico di famiglia saprà esattamente le voci da trascrivere sulla ricetta senza dilungarci in questa sede),elettrocardiogramma e se è possibile elettrocardiogramma sotto sforzo,ecocardiogramma;insieme a questi controlli se avesse la possibilità di controllare anche per conto suo la pressione facendo più misirazioni nella giornata sarebbe un utile completamento;questi esami potrebbero far luce se la sua sintomatologia sia di pertinenza cardiologica o altro e le permetterebbero il trasferimento nella nuova sede di lavoro in serenità;se le è possibile riacquisti la bellissima e utilissima abitudine a camminare anche ora che non è ancora in montagna.Se lo desiderà potrà inoltre riferirci sull'esito degli esami per un ulteriore consulto.
In bocca al lupo per il nuovo lavoro e per il resto,la saluto cordialmente
dr.Annoni
[#2] dopo  
Utente 111XXX

Iscritto dal 2009
intanto la ringrazio, questo servizio è davvero eccezionale, compliementi a voi tutti e buon lavoro!