Utente 950XXX
Sono un uomo di 55 anni.
Da circa 2-3 anni ho notato un aumento notevole della disfunzione erettile con calo del desiderio. Assumo da circa dieci anni una terapia di lorazepam 2,5 (2 cp. al g.) e anafranil 10 mg. (n. 2 cp. al g.) per una cefalea muscolo tensiva diventata cronica accompagnata anche da disturbi ansiosi-depressivi.
Ho eseguito recentemente dei dosaggi ormonali con i seguenti risultati:
s-TSH= 1,57; s-Follitropina (FSH)= 3,8; s-leutropina (LH)=4,1; s-Prolattina=10,6; s-Testosterone=7,9.
Ho eseguito pure una visita andrologica, la quale è risultata normale a parte un lieve ingrandimento della prostata (44x38x41 mm. volume di 37cc.)
Volevo avere un Vs. parere in merito, tenendo conto che fino a circa 3 anni fa i miei rapporti erano soddisfacenti, nonostante la terapia continua che assumo da tempo. Grazie per la risposta e cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
l' inquadramento del suo problemas oltre ad i profili ormonali, ed ad un qualche approfondimento in più sul te4stosterone, richiederevbbe un ecodoppler basalòe e dinamico del pene. In ogni caso se per il collega lei non ha alcunchè di fisico si può pensare a problema psicogeno, vista anche la terapia. In quest' ultimo caso sono possibili terapie anche "empiriche" con buoni risultati.
[#2] dopo  
Utente 950XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio per la sollecita risposta Dr. Cavallini.
Mi affiderò all' andrologo per l' esecuzione degli esami da Lei citati.
Volevo chiederLe cosa intende per approfondimenti sul testosterone. Inoltre, essendo risaputo che l' uso continuativo delle benzodiazepine e triciclici può compromettere l' erezione, è possibile che sia questo il motivo principale della disfunzione erettile, nonchè del calo del desiderio?
E, assumendo il viagra o il cialis, Lei ritiene che possa risolvere la questione?
Grazie ancora e cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

tutte le ipotesi etiologiche da lei formulate possono essere condivisibili comunque, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli pubblicati sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=22450

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=69475.

Per le terapie indicate solo il suo andrologo di fiducia può confermarle con i relativi "successi".

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com

[#4] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
mai toccare psicofarmaci se la persona ne trae giovamento. Si può aggirare l' ostacolo, con un po di mestire. Il testosterone ha varie frazioini attive, andrebbero studiate: SHBG, albumina e testosterone libero. Ho detto andrebbero, poichè grande è discordia su testosterone.
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

comunque, prima di iniziare una valutazione endocrinologica così "complessa" e clinicamente non sempre "utilizzabile", come quella suggerita dal collega Cavallini, bisogna sentire sempre il suo andrologo di fiducia.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#6] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,
a 50 anni potrebbero farsi evidenti problematiche vascolari capaci di interferire con una corretta funzione erettile . La percezione di avere una erezione "insoddisfacente" potrebbe determinare anche un certo calo del desiderio. Utile in questo senso una valutazione del suo sistema circolatorio penieno ( EcoColorDoppler basale e dinamico).
Anche la terapia con psicofarmaci può determinare conseguenze negative sulla sfera del desiderio e , di conseguenza, della funzione sessuale nella sua globalità.
A 50 anni andrebbero anche considerati i tipi di stimoli sessuali a cui ci si "espone" che chiaramente potrebbero avere una variabile capacità di determinare eccitazione.
Ne parli con il suo andrologo
cari saluti
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

risentito il suo andrologo poi ci tenga comunque aggiornati sui suoi futuri passi fatti per capire la sua attuale situazione clinica, se lo desidera.

Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com