Login | Registrati | Recupera password
0/0

Deterioramento cognitivo in vasculopatia cerebrale cronica

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2008

    Deterioramento cognitivo in vasculopatia cerebrale cronica

    SALVE MIO PAPA' E UN CARDIOPATICO IPERTESO HA 78 ANNI E HA GAI AVUTO DELLE PICCOLE ISCHEMIE CEREBRALI VORREI SAPERE COSA SIGNIFICA DETERIORAMENTO COGNITIVO IN VACULOPATIA CEREBRALE CRONICA GRAZIE



  2. #2
    Indice di partecipazione al sito: 2357 Medico specialista in: Neurologia

    Risponde dal
    2007
    Gentile utente,
    la vasulopatia cerebrale cronica è una condizione di sofferenza ischemica del cervello dovuta, nel caso di suo padre, a piccole ischemie cerebrali. Lo stato ipossico,cioè la carenza di ossigeno, può provocare una diminuzione o un'alterazione delle facoltà mentali che viene detta deterioramento cognitivo che può manifestarsi sotto forme diverse, per esempio disorientamento nel tempo e nello spazio, deficit di memoria, di ragionamento. ecc.
    Cordiali saluti


    Dr. Antonio Ferraloro

  3. #3
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2008
    vorrei sapere se ce il modo di curarla



  4. #4
    Indice di partecipazione al sito: 2357 Medico specialista in: Neurologia

    Risponde dal
    2007
    Gentile utente,
    innanzitutto bisogna tenere sotto controllo i fattori di rischio (ipertensione, colesterolo alto, diabete, fumo, cardiopatie, ecc.). Dieta povera di grassi animali e di fritture. La terapia farmacologica si avvale soprattutto di antiaggreganti e di farmaci di supporto per il Sistema nervoso centrale (vasodilatatori, neurotrofici, ecc.) ma sarà il neurologo a prescriverli a seconda delle varie condizioni cliniche.
    Cordialmente


    Dr. Antonio Ferraloro

  5. #5
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2008
    questa e la terapia enalaprin trental cardioaspirina serenase metformina avodart questa e la terapia che gli hanno dato adesso in geriatria ma gli hanno tolto modiuretic atenolo



  6. #6
    Indice di partecipazione al sito: 2357 Medico specialista in: Neurologia

    Risponde dal
    2007
    Gentile utente,
    la terapia mi sembra corretta ma non sapevo che suo padre fosse diabetico. Purtroppo ha diversi fattori di rischio.
    Cordiali saluti


    Dr. Antonio Ferraloro

  7. #7
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2008
    si diabetico per modo di dire perche la glicemia e sempre intorno 110 /150 non e mai arrivata oltre grazie




Discussioni Simili

  1. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 26/04/2009, 08:45
  2. Chiarimenti esito rm
    in Neurologia
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 24/04/2009, 19:38
  3. Risposte: 25
    Ultimo Messaggio: 20/04/2009, 16:05
  4. Rm cerebrale
    in Neurologia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 14/04/2009, 12:24
  5. Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 10/05/2009, 17:50
ultima modifica:  13/08/2014 - 0,16        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896