Utente 944XXX
Sono una ragazza di 23 anni. Più o meno un anno fa sono è iniziato un fenomeno infiamatorio all'inguine che i dermatologi che ho consultato hanno definito chi come ciste chi come idrosadenite. Si trattava comunque di cicli infiammatori di una stesso punto, che si gonfiava, cambiava colore e che, dopo una prima incisione, perdeva molto sangue, con contestuale formazione di una massa di tessuto cicatriziale. Ho deciso di operare più o meno due mesi fa e hanno asportato sia la massa cicatriziale che operato una pulizia della zona. Dopo due mesi in cui sembrava non ci fossero più problemi la zona si è riinfiammata. Mi avevano detto che l'operazione avrebbe potuto non funzionare e che questa sarebbe potuta diventare una cosa cronica ma adesso, che non posso vedere il mio medico, non so cosa fare. Gli antiinfiammatori non fanno un granchè e non so se posso utilizzare delle creme. Mi hanno consigliato degli impacchi ai semi di lino per farlo sgonfiare ma la paura più grande è che effettivamente l'intervento non sia servito a nulla.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

la prima cosa da fare quando c'è infiammazione/infezione è proprio reperire una terapia adatta alla eliminazione del processo, che può causare effetti secondari ancora più difficili da trattare;

per questo, la sede dermatologica è indicata: cerchi di reperire uno specialista dermatologo vicino a lei e si determini sul da farsi, abbandonando ogni idea di fai-da-te, molto rischioso in questo momento.

cari saluti