Utente 111XXX
salve.sono un ragazzo di 19 anni che ormai da due mesi vive pensando di essere malato di cuore.Premetto che sono un tipo molto ansioso e soggetto ad attacchi di panico ed ipocondria.Circa due mesi fa ho cominciato ad avvertite extrasistoli e palpitazioni che mi hanno causato i primi attacchi di panico con pensiero di morte,tuttavia prendendo l'en l'attacco mi passava e riuscivo a stare meglio anche se il panico di avere un attacco è sempre latente.Infatti dapprima pensavo fosse il mio stile di vita eccessivo che mi portava a queste conseguenze,in senso che era due anni che praticavo poco sport e bevevo e fumavo molto inoltre dormivo poco e avevo orari poco salutari rispetto al ritmo sonno veglia.Quindi sempre piu preoccupato mi sn recato una settimana fa dal cardiologo il prof pezzano primario del niguarda di milano dove ho effettuato un elettrocardiogramma in stato d'agitazione e un ecocardiografia che nn ha rilevato nulla..anzi il professore mi ha detto che sono idoneo a praticare qualsiasi attivita sportiva.Dunqua mi ha detto di prendere betabloccante inderal un quarto di pastiglia due volte al giorno per evitare altre palpitazioni per l'ansia..tuttavia l'ansia non passa e neanche la paura di essere malato di cuore pure se ultimamente ho ridotto molto sia il fumo che l'alcol e faccio sport 4 ore la settimana.Infatti quando faccio sport non avverto nessun sintomo e anzi mi sento molto bene,invece quando esco la sera oppure a volte a casa avverto la solita sensazione di fiato corto e di fatica per il minimo sforzo..poi dolore al braccio sinistro sia interno a livello ulnare sia all'avambraccio che si irradia nelle dita,e anche dolore alla spalla al collo al petto ed essendo molto ipocondiraco ho pensato che forse si tratta di angina pectoris.Secondo voi devo sottopormi ad altri accertamenti per vedere se il mio cuore sta bene oppure bastano quelli che ho effettuato?inoltre aggiungo che soffro di reflusso quandi spesso ho bruciori,acidita e ipersalivazione ma non riesco a capire se questi dolori soprattutto quelli al braccio sinistro siano dovuto all'angina pectoris,al reflusso oppure a qualche dolore a livello dei nervi e della cervicale insieme a delle fitte intercostali e tutto sia ingigantito dalla mia ansia e ipocondria.Attendo una vostra risposta al piu presto,grazie in anticipo per il servizio offerto.Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, purtroppo tutto il corteo sintomatologico che la caratterizza è in gran parte dovuto alla sua alterata emotività. La negatività degli esami cardiologici cui si è sottoposto e la giovane età, non la predispongono, attualmente, ad eventuali rischi cardiovascolari. Utile a mio avviso un consulto psicologico più che medico.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 111XXX

Iscritto dal 2009
Grazie mille per la velocita nella risposta e per avermi tolto il dubbio di un problema di angina pectoris.Ovviamente sono gia in cura da uno psicologo e questo giovedi ho la seconda seduta..sono andato anche da un neuropscihiatra che mi ha consigliato una cura di antidepressivi anti panico per circa 8 mesi se me la sentivo di cambiare totalmente il mio stile di vita..tuttavia ho pensato di provare a farcela da solo andando dallo psicologo riducendo i miei eccessi nella vita e praticando molto sport per scarica piu tensione possibile.Secondo lei posso farcela da solo oppure devo iniziare la cura con gli antidepressivi?
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, non ho qualifiche adatte a rispondere al suo problema. Come medico, ritengo utile la terapia farmacologica solo lì dove il soggetto abbia davvero necessità perchè non in grado di superare il suo problema da solo, ma come le dicevo ciò non è di mia competenza.
Saluti