Utente 372XXX
Salve, ho 44 anni, da circa un anno soffro di frequenti infiammazioni alla mucosa sotto il glande. Inizialmente si presentano come delle piccole erosioni di circa 1mm o fessurazioni di 1 - 2 mm , doloranti, poi si infiammano e , un anno fa , passavano dopo cca 15.gg . la patologia si è aggravata, faccio presente che peggiora molto o insorge dopo la masturbazione o il rapporto sessuale. Inoltre sul lato destro del meato urinario si è gonfiato e diventa a volte molto rosso, con escreto trasparente maleodorante, ed andamento altalenante.
Dopo varie visite con risposta: a) herpes, smentita da altri e cmq non rispondente al talavir b) dermatite seborroica , con applicazione di garzette e acqua borica e conseguente infezione durata un mese, c ) possibile psoriasi d) Balanite plasmacellulare ( risposta dell'esame istologico ) sono ancora qui a soffrire con la sensazione che si tira un po' ad indovinare. Inoltre ultimamente, sempre nelle stesse zone, si gonfia e si forma come un piccola afta , faccio presente che mi si sono gonfiate anche le ghiandole inguinali e sono doloranti, inoltre ho bruciore e fastidio. non mi è stato mai fatto nessun tampone o altra ricerca ( anche su mia richiesta ) inoltre con creme antibiotiche, o argentiche non passa e con cortisonici migliora il rossore ma non le lesioni ( anzi a volte peggiorano ), stessa assenza di risultato con cyproxin 750.. Ho fatto visite solo con dermatologi, pensavo di passare ad un andrologo ma a bologna non mi sarebbe chiaro dove andare. Inoltre, comprensibilmente, vorrei essere sicuro di essere "preso in carico" e non, come spesso avvenuto, liquidato come paziente N°... Vi ringrazio di una vs risposta , considerando che vorrei risolvere il problema prima possibile , visto bruciore, dolore e praticamente assenza di qualsiasi attività sessuale ( masturbazione compresa ) ecc. ( in un forum di 3 anni fa ho visto un post di un paziente con problemi identici al mio , ma non ho trovato risposta salvo farsi visitare da un andrologo.
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
dopo che tanti consulti dal vivo han fatto cilecca, non credo che via e.mail si possa fare molto di più. Magari sia arrabvbia ma si faccia vistare da collega. Eventualmente faccia esami di glicemia glicosuria ed emogobina glicosilata che a volte tale problema recidivanti si associa ad alterazione del metabolismo degli zuccheri.
[#2] dopo  
Utente 372XXX

Iscritto dal 2007
La ringrazio della risposta celere, in realtà non sono arrabbiato ma esausto, e , comprensibilmente, preoccupato. Cmq la glicemia è a posto. Il mio postare su e- mail è volto ad aumentare le possibilità di trovare una soluzione.
Ultima cortesia: trova corretta l'idea di andare da un andrologo?
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
come chiedere all' oste se il suo vino è buono. Questa è una patologia di confine fra andrologia e dermatologia, a lei la scelta.
[#4] dopo  
Utente 372XXX

Iscritto dal 2007
Ok messaggio ricevuto, direi che provvedero' ad una visita andrologica.
Vi ringrazio. Comunque qualsiasi altra risposta sarà gradita
[#5] dopo  
Dr. Luigi Laino
60% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

se gradisce il parere dello specialista Venereologo, posso asserire che il suo problema, dovrebbe a mio avviso essere obbiettivamente valutato e diagnosticato nella sede Dermatologica venereologica.

Le diagnosi disparate che le hanno prodotto (dall'herpes genitalis alla balanite plasmacellulare di zoon) sinceramente mi lasciano perplesso e non poco, considerando che il dermatologo venereologo possiede tutti gli strumenti per una diagnosi di certezza che non può tardare oltremodo.

Consigliandole quindi di non perdere le fiducia in questo tipo di professionista, le posso suggerire solo per aggiungere qualche dati fruibile alla conoscenza della sua condizione, la lettura del personale articolo sulle balanopostiti (che non hanno una sola causa, ma sono diverse e dissimili) all'indirizzo

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=39890

carissimi saluti
[#6] dopo  
Utente 372XXX

Iscritto dal 2007
Gentile dott. Laino, in effetti non ho disperato, e la sua risposta comprensiva mi conforta sulla scelta. Mi sono rivolto ad un altro specialista Dermatologo ( consigliatomi da un altro specialista ) , e l'idea è un sospetto lichen, ma prima dovremo rivedere i vetrini e fare degli esami su antigeni dell'herpes.
Cmq la ringrazio , credo sia comprensibile per qualsiasi persona avere bisogno di ascolto e consiglio in quanto riguarda la salute.