Utente 872XXX
Salve Dottori,
Leggo su molti siti stranieri che si è concluso lo studio sulla mutazione del codone 816 del c-KIT che è presente ne 97% dei tumori bilaterali. Avendo subito una orchifuniectomia del testicolo sinistro per seminoma tipico vorrei sapere se è possibile effettuare una analisi del dna per individuare questa mutazione così da mettermi l'anima in pace.
grazie
[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore ,

visto che non ha ricevuto risposte dai genetisti, la rinvio al lavoro del nostro collega oncologo Alessandro D'Angelo, pubblicato sul nostro sito a questo link:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=58702.

Altro consiglio poi potrebbe essere appunto quello di consultare anche l'area "oncologia".

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 872XXX

Iscritto dal 2008
Dott. Beretta la ringrazio,
in sostanza quello che mi preme sapere è come muovermi, cioè se questo esame posso farlo in un normale laboratorio, se la mutazione eventuale è facilmente riscontrabile. la risposta della radioterapista è stata:
Anche nel tumore al seno si riscontra una modificazione genetica e l'unica cosa che possiamo fare è di tenere le pazienti sotto controllo periodico. Tu sei già sotto osservazione quindi che bisogno hai di fare questo test?

Mi rendo conto che spiegare ad un medico che potrebbero esserci dei farmaci in grado di bloccare eventualmente questo gene potrebbe salvarmi e sollevarmi da un peso che dovrei portare per anni. io sono un agronomo quindi molte cose me le indago e studio anche da solo però non voglio e non sono totalmente in grado di sostituirmi ad un medico. perciò chiedo la vostra consulenza.
grazie
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

non sono un genetista ma credo che lo studio di questa mutazione deve essere fatta in strutture specializzate.

Infine capisco anche l'atteggiamento clinico del radioterapista.

In sostanza in questi casi conta molto una monitorizzazione continua del suo problema clinico.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com