Utente 179XXX
Salve, ho bisogno di un consiglio abbastanza urgente in quanto non sò se può essere un problema grave... sono due settimane che mio marito ha notato la presenza di sangue nello sperma.. in pratica lo sperma assume un colore rosa e quindi il sangue si scioglie con esso... mio marito ha avuto una frequenza minore di eiaculazione ma non sò cosa da cosa possa essere causata questa presenza di sangue, in più ieri ha avvertito delle fitte al testicolo sinistro.. sono molto preoccupata... Grazie in anticipo e distinti saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
cara signora, potrebbe trattarsi di una infiammazione testicolare (quella che noi chiamiamo orchi-epididimite acuta) che spesso si manifesta con dolenzia o dolore tesicolare soprattutto evocato alla palpazione della ghiandola e in alcuni casi si associa ad emospermia. Tuttavia è una ipotesi perchè l'emospermia potrebbe essere espressione anche di altri problemi come per esempio di una prostatite acuta, questa incertezza dovuta all'impossibilità di visitare il suo partner, mi porta a consigliarle di farlo recare da un urologo a visita per essere adeguatamente inquadrato e trattato.
Magari sarebbe utile recarsi a visita avendo eseguito già anche una ecografia scrotale e anche vescico-prostatica sovrapubica.
Tanti cari saluti,
dott. Daniele Masala.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
cara lettrice 17937,

le confermo il consiglio del dottor Masala ma sottolineando che la presenza di sangue nello sperma può essere un evento anche del tutto innocente, legato a fattori "banali".
Se il fenomeno si dovesse ripetere a lungo , allora vale la pena di fare un esame del liquido seminale, una spermiocoltura ed urinocoltura ed una visita specialistica
cari saluti
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
non credo che l'emospermia sia da attribuire a problemi testicolari come dice il collega Masala, piuttosto penserei ad un problema prostatico tipo prostatite per cui dovrebbe valutarla un urologo (già) specialista ed eseguire una spermiocoltura ed urinocoltura
inutile l'ecografia scrotale e transrettale
[#4] dopo  
Dr. Domenico Battaglia
24% attività
0% attualità
8% socialità
ESTE (PD)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2006
Cara lettrice,
ritengo che l'emospermia si da approfondire con un colloquio anamnestico e con degli esami fra tutti l'esame urine completo ed una spermiocoltura, eseguirei anche il PSA e L'uroflussometria.
[#5] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
Gentile Utente,
probabilmente leggerà questa riposta con un pò di ritardo a causa delle ormai trascorse ferie estive. Spero che in ogni caso possa esserLe di una qualche utilità, ma spero ancora di più che il problema sia stato chiarito e risolto.
Dunque, volendo rimanere assolutamente in un campo speculativo, potrei dirLe che l'emospermia (presenza di sangue nel liquido seminale) molto raramente può essere ascrivibile a seri quadri patologici (per esempio, tubercolosi genitale, tumori etc). In genere in tali casi si accompagna invariabilmente ad altri segni e/o sintomi clinici che, mi pare di poter dedurre, nel Suo caso sono assolutamente latitanti.
A volte, e direi molto più spesso, l'emospermia è ricollegabile a processi infiammatori delle vie genitali (per esempio, uretriti, prostatite, orchi-epididimite), ma anche in tali casi l'anamnesi e la clinica vengono in grande aiuto per la diagnosi corretta.
Ancora più frequente, infine, la possibilità che l'emospermia sia una conseguenza di una congestione venosa magari per prolungata astinenza eiaculatoria, oppure conseguenza di traumatismo durante il coito o dopo coito interrotto.
Rimango di proposito nel vago. E ovvio che il fenomeno va debitamente tenuto in considerazione mediante controllo clinico Specialistico. Una emospermia sporadica richiederà magari solo controlli periodici, mentre in caso di emospermìa più frequente non sarà superfluo iniziare un iter diagnostico anche laboratoristico e strumentale.
Auguri affettuosi per tutto e cordialissimi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile signora ,
concordo con quando riportato dai colleghi che mi hanno preceduto. Comunque visto il problema di suo marito , approfitti di questo "disturbo" per consultare, se non ancora fatto, il suo andrologo di fiducia come le signore consultano regolarmente il loro ginecologo.
Un cordiale saluto.