Utente 109XXX
a fine novembre ho avuto un rapporto ad alto rischio sia penetrativo che orale senza protezione con persona sieropositiva, dopo circa 1 mese ho avvertito dei piccoli linfonodi laterocervicali ,inguinali (dolorosi)e ascellari. a tre mesi ho fatto il test hiv (negativo). i primi di marzo dopo i tre mesi comincio ad avvertire dei dolori muscolari e bruciori al petto, faringite, sudorazione notturna, lingua bianca, e perdita di peso(circa 8kg in un mese),febbriciattola,37,2 , faccio gli esami di routine toxoplasmosi,mononucleosi,citomegalovirus,salmonellosi,sifilide ecc.. tutti negativi, faccio anche un'esame cd4/cd8 902/722 rapporto 1,22. i miei dolori e bruciori muscolari continuano non mi vogliono lasciare accompagnati dai linfonodi gonfi e dolorosi al tatto, dalle sudorazioni e dal malessere generale (stanchezza, nausea ,mal di testa)ed ogni tanto mi fa male il fegato ho fatto un'altro testhiv di III generazione a 150 giorni (negativo) e un'esame cd4/cd8 dove si sono notevolmente abbassati cd4 520 cd8 451 ho paura che sia dovuto all'infezione, è possibile che dopo 150 giorni ho ancora sintomi e linfonodi gonfi? ci sono casi di infezione acuta cosi' lunga? piu di due mesi di sintomi? quanti casi ci sono di sieroconversione dopo i 5 mesi? vi prego rispondetemi sono molto preoccupato per me e per la mia famiglia. grazie
[#1] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Gentile paziente se i suoi sintomi fossero significativi il test veniva positivo o dubbio, quindi stia sereno. Nel suo caso è comunque indicato il test a sei mesi ed un consulto reale e non virtuale con una struttura di malattie infettive che la possa seguire.
[#2] dopo  
Utente 109XXX

Iscritto dal 2009
gentile dot. masala gia sono presso un centro di malattie infettive ma i dottori mi dicono di aspettare il test successivo, io ho paura anche oggi ho questi dolori bruciori al petto e malessere genearale, penso che fino a che i sintomi persistono il test risulti sempre negativo. penso di rifare il test fra 10 giorni a 5 mesi e mezzo lei che ne pensa? ho molta paura questi sintomi non vogliono passare.ho letto che la stragrande maggioranza delle sieroconversioni avvengono entro i 100 gioni. anche i dottori dove sono in cura mi dicono che per la loro esperienza non hanno mai visto una sieroconversione a 6 mesi. mka allora questi miei sintomi? secondo la sua esperienza è possibile una sieroconversione a sei mesi?
[#3] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Gentile paziente io penso che debba aspettare e moderare l'ansia.
[#4] dopo  
Utente 109XXX

Iscritto dal 2009
lo so l ansia e la paura è tanta, specialmente quando in gioco c'e' la tua vita e quella dei tuoi familiari, io sono sposato e non è giusto che per un mio sbaglio devono piangere le conseguenze altre persone non è facile gestire questa situazione per questo cerco di ottenere maggiori informazioni in merito alla mia situazione. non capisco e nessuno me lo sa spiegare se esistono sintomi che non sono collegati alla sieroconversione. cioè se i miei sintomi fossero collegati all'hiv e i cd4 sarebbero scesi per l'infezione il test ultimo doveva essere positivo .
[#5] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Gentile paziente, dal primo post le ho spiegato che se i suoi sintomi fossero correlati all'HIV il test veniva positivo o dubbio.
[#6] dopo  
Utente 109XXX

Iscritto dal 2009
gentile dott. Masala intanto la ringrazio per la sua disponibilita', oggi sto ancora male e i linfonodi sono sempre gonfi, ho capito cosa intende riguardo ai sintomi,ma ho paura che i miei disturbi sono dovuti all'infezione(anche perche' ho fatto tutti gli esami possibili escludendo altre malattie) e che ancora il mio corpo non abbia prodotto gli anticorpi necessari alla rilevazione del test.
[#7] dopo  
Utente 109XXX

Iscritto dal 2009
Gentile dottor Masala ho sentito parlare della sindrome"LAS" in quanto il dottore dove sono in cura mi ha detto che potrebbe trattarsi di "las" dato che è da piu di quattro mesi che ho i linfonodi gonfi. mi potrebbe spiegare che cosa significa las? la ringrazio sempre per la sua disponibilita'
[#8] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
LAS è un vecchio termine clinico con cui si identificava il periodio presieroconversione con sindrome simil mononucleosica e adenopatia. Ora però non piombi nel panico, attenda con fiducia il test di coferma e se la può aiutare romaniamo in contatto e mi faccia sapere l'evoluzione. Cerchi di avere un pò di ottimismo e non si senta solo.
[#9] dopo  
Utente 109XXX

Iscritto dal 2009
caro dott.Masala ormai sono convinto di aver preso il virus dell'hiv, continuo a star male fisicamente adesso da un tre giorni ho raffreddore nuovamente febbriciattola e mal di gola. mi sembra una corsa contro il tempo, sono ormai 5 mesi che faccio test e ad ogni test negativo mi illudo di non aver niente, ma poi riecco i malesseri fisici...
tutto questo è assurdo mi hanno sempre rassicurato che ormai nessuno sieroconverte a 6 mesi , che era impossibile avere tutti questi sintomi e risultare negativo, ho fatto 4 mesi e mezzo anche un hiv-rna quantitativo e qualitativo, dove la dott.ssa del laboratorio mi aveva detto con sicurezza che io non avevo l'ihv in quanto non aveva trovato ne carica virale nel plasma ne provirale nei linfociti...invece eccomi qua ancora a 5 mesi e 10 giorni a dover parlare di queste cose e dover ripetere il test che molto probabilmente rifaro fra una settimana a 5 mesi e mezzo. non c'è la faccio ad aspettare 20 giorni.
[#10] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Gentile paziente si attenga a quanto le ho già detto nei consulti precedenti ed inizi a pensare a ad un sostegno psicologico.
[#11] dopo  
Utente 109XXX

Iscritto dal 2009
caro dott. Masala le scrivo per tenerla aggiornata della mia situazione e per avere dei consigli in merito, sono stato circa 6 giorni malissimo ho avuto mal di gola a livello delle tonsille e faringe (adesso c'e' l'ho solo la sera) raffreddore,tosse e malessere (come se mi dovesse venire la febbre) chiaramente ho pensato subito alla famosa sindrome similinfluenzale hiv.adesso ho solo mal di gola la sera e i linfonodi sempre fastidiosi(gonfi) ho rifatto il test a 174 giorni esatti test hiv+agp24 negativo anche questo, ripensavo sempre alle sue parole se i sintomi sono da sieroconversione il test veniva dubbio.... cosa mi consiglia di fare?? arrivati a questo punto che indagini posso fare oltre all'hiv? grazie sempre
[#12] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Si metta l'anima in pace , riprenda la sua vita e stia sereno. Si curi la faringite e esca a cena con i suoi cari.
[#13] dopo  
Utente 109XXX

Iscritto dal 2009
la ringrazio per il consiglio.
ma sono lo stesso molto preoccupato la faringite non passa e non so per quale motivo la sera è dolorosa non riesco ad inghiottire,i fastidi muscolari ci sono sempre,la febriciattola persiste,in piu' mi è spuntato gia' da un po di giorni,un formicolio al pollice della mano e come se abbia perso il tatto del pollice ,le faccio un'esempio non riesco a svitare un tappo della bottiglia, devo lasciare la presa perche' avverto fastidio dolore al pollice. ripetere il test oltre i sei mesi? è venuto negativo in quanto ci sono ancora i sintomi?fare altri tipi di indagine? la ringrazio sempre per la risposta
[#14] dopo  
Utente 109XXX

Iscritto dal 2009
correggo l'informazione la faringite è notevolmente regredita da che non potevo deglutire tutto il giorno e stare male con raffreddore adesso è passato tutto tra l'altro senza prendere medicinali. è rimasta come gia' detto la faringite di sera e notte molto fastidiosa e dolorosa e la febriciattola. come si spiega tutto cio'? perche' durante il giorno sento poco fastidio e la sera/ notte invece non posso inghiottire?e perche' a che stavo malissimo mi creda (tosse,raffreddore,faringite,mal di testa) adesso non ho piu' niente(solo faringite) (e senza prendere alcun medicinale)
[#15] dopo  
Utente 109XXX

Iscritto dal 2009
.
[#16] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Gentile paziente le consiglio vivamente un sostegno psicologico/psichiatrico perchè è evidente che lei non ha l'HIV ma non riesce a convincersene. Per la faringite si rivolga ad un ORL , magari va fatto un tampone.
[#17] dopo  
Utente 109XXX

Iscritto dal 2009
la ringrazio per la considerazione e per avermi preso per pazzo, come ho gia' detto nei messaggi precedenti la paura e l'ansia ci sono ma non tali al punto di impazzire. se le ho scritto dei miei sintomi è perche' realmente ci sono e realmente mi preoccupo e realmente sono passati senza l'uso di alcun medicinale! le ho anche scritto di consigliarmi qualche altro tipo di esame visto che il test è risultato negativo.quindi in testa non ho solo l'hiv!dott.Masala anche se non ci conosciamo io la stimo e apprezzo il lavoro che svolge .me ne vorrei uscire anche io da questa brutta storia ma la situazione è questa e non ci posso fare niente. mi dispiace che lei non mi creda ma purtroppo le cose che ho scritto sono veritiere. saluti
[#18] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Gentilissimo paziente non ho mai pensato che lei sia pazzo nè credo che lo psichiatra sia il medico dei pazzi. Il mio era un consiglio clinico e personale che tutto voleva fare meno che irritarla. Spessissimo i miei paziente per vivere meglio situazioni complesse come accade nelle malattie infettive o in Rianimazione sono seguiti dai colleghi psicologi e mi creda questo va benissimo e certo non sono "pazzi". Credo che sia importante curare ogni aspetto di un disagio e di una malattia. Riprova di quanto dico è che in tutti i grossi ospedali c'è un servizio di psicologia che si occupa di malati totalmente "normali" da un punto di vista psichico. Tornando al problema si faccia valutare con attenzione dall'ORL. Non volendo creare ulteriori equivoci e certo di aver detto tutto quello sia utile in un consulto virtuale concludo definitivamente il consulto.