Utente 111XXX
Salve,sono un ragazzo di 30 anni e soffro di una forma di disturbo sessuola che non riesco a definire!
Fino a 5 anni fà conducevo una vita sessuola soddisfacente con quella che poi è diventata la mia ex ragazza!
A parte qualche rara défaillance la vità di coppia andava bene e riuscivo ad avere rapporti tranquillamente anche più di un'ora.
Conoscendo nuove ragazze ho iniziato ad avere problemi,in alcuni casi dovuti all'imcapacità di mantenere l'erezione se non con una costante stimolazione,in altri non sentivo quel desiderio sessuale che in genere mi prende e non c'era proprio erezione in altri casi invece la risposta del mio fisico era ottimale e sentivo proprio una spinta diversa da parte del pene!
Essendo un ragazzo un pò insicuro sul piano sessuale, che cerca sempre un forte conivolgimento con la patner, ho attribuito questi disturbi ad un mio problema psicologico ed anche allo stress,questa mia convinzione nasceva dal fatto che comunque avevo delle "regolari" erezioni mattuttine e riuscivo a masturbarmi nonostante anche in questo caso riscontrassi delle forti difficolta a mantenere il pene eretto per poco tempo senza stimolazione!
Negli ultimi 2 anni però ho iniziato a raccogliere informazioni,ma,per timidezza solo su internet,finche non sono giunto su questo sito dove ho letto per la prima volta di un disturbo chiamato "fuga venosa" leggendo i disturbi mi sono identificato ed eccomi qui chiedere un vostro consiglio!
Non nego di ssere preoccupato e non sto passando affatto dei bei gioni,perciò vorrei delle vostre opinioni e inoltre delle indicazoni di un buon andrologo da cui farmi visitare che risiede in una delle tre province che vi indico Cosenza,Catanzaro e Reggio Calabria.
Speranzoso vi porgo Cordiali Saluti!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile Signore,

in questi casi, senza una valutazione clinica diretta, è impossibile formulare una risposta corretta , cioè capire la causa del suo problema e dare quindi una indicazione su quali passi successivi fare a livello diagnostico e terapeutico .

Se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=22450.

Bisogna comunque, a questo punto, consultare un esperto andrologo.

Per la scelta dell'andrologo chieda un consiglio al suo medico di fiducia, anche il nostro sito la può orientare ed eventualmente può consultare pure il sito ufficiale della SIA ( www.andrologiaitaliana.it ).

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com


[#2] dopo  
Utente 111XXX

Iscritto dal 2009
Caro dottore, prima di tutto la ringrazio vivamente per la risposta immediata, ho letto l'articolo da lei indicato e devo ammettere che è stato molto interessante,ho potuto accrescere le mie conoscenze sull'argomento!

Seguirò le sue indicazioni e quindi prima di appoggiarmi al sito da lei indicatomi chiederò al mio medico curante.

Spero di potervi tenere aggiornati con buone notizie,
le porgo i più sinceri e cordiali saluti!
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

comunque siamo curiosi e, se lo desidera, ci tenga informati sugli eventuali e futuri sviluppi del suo problema clinico.

Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com