Utente 221XXX
Egregi Dottori, vi scrivo dopo aver letto le vostre risposte ad altri utenti dove dite che solo nel caso in cui si è stati a contatto con una persona tornata dal Messico o dalle zone colpite allora è il caso di farsi vedere. Sinceramente io lavorando con la gente (in una pizzeria) mi è impossibile sapere se qualcuno è appena tornato da quei posti e quindi volevo gentilmente domandarvi quando una persona deve presentarsi al Pronto - Soccorso? Esempio se ho febbre e mal di gola devo andare?Io credo che se tutti dovessero correre in P.S per la febbre + un sintomo (che tre l'altro mi sembra di capire che sono molto simili a quelli dell' influenza normale) allora tutti dovremmo correre all' Ospedale?Perdonatemi ma questa notizia stà creando il panico, le persone soprattutto ora che vi sono vari sbalzi di temperatura si possono ammalare di influenza ma quello che mi chiedo io possibile che non ci sia un sintomo preciso che la differenzia da quella normale? Ad esempio la febbre quant' è alta? Oltre al classico mal di gola, tosse, non c'è nulla che possa far pensare all' influenza suina. Sento dire che arriverà in Italia e mi domando come bisogna comportarsi in tale caso...se non ci vengono date informazioni dettagliate la gente finirà per correre in Ospedale ogni volta che ha l' influenza con la paura di morire!!!Vi ringrazio se gentilmente rispondete alla mia domanda, credo sia giusto che le persone sappiano come comportarsi, sia per stare tranquilli loro, sia per evitare corse all' ospedale magari inutili dove c'è gente che magari nè ha davvero bisogno.Distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Gentile Utente,
i sintomi della cosiddetta "influenza suina" sono tutto sommato scarsamente tipici: malessere generalizzato, febbre elevata, difficolta' respiratorie, dolori articolari. La terapia e' la stessa delle normali influenze: antipiretici, riposo a letto e copertura antibiotica al fine di evitare complicanze. Impossibile dunque distinguere questo tipo di influenza da altre...
Personalmente credo che sia stato creato un caso mediatico che assomiglia a quelli creati per la SARS o la mucca pazza: i casi di decessi, a livello mondiale, finora accertati per questa causa, nell'arco di ormai diversi giorni, sono pari al numero di decessi che si verificano per incidenti sulle strade nel giro di pochi secondi: pero' nessuno dice niente per le decine di ragazzi che si schiantano contro gli alberi: forse perche' non fa piu' notizia? O magari perche' questo delle epidemie e' un buon sistema per consentire alle case farmaceutiche di vendere qualche farmaco in piu'?
Di meningite muoiono 300 persone circa in Italia ogni anno, ma ce ne ricordiamo soltanto quando 4-5 casi finiscono sul giornale nel giro di un paio di settimane (peraltro perfettamene in media con le statistiche annuali!). E allora le farmacie svuotano i magazzini del vaccino. Pensi che nel corso dell'ultimo "allarme" una famacia che aveva terminato il vaccino contro la meningite e' riuscita a rifilare (rifilare, si', e' il termine giusto) un vaccino antinfluenzale (in febbraio!!) ad un mio paziente, convincendolo che "era sempre meglio che niente".
Se dovesse avere sintomi del tipo descritto non esiti a rivolgersi al suo Medico, come del resto si dovrebbe fare sempre in caso di febbre elevata. Il suo Medico sapra' come trattarla.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 221XXX

Iscritto dal 2006
La ringrazio per la sua risposta, l' unica cosa che vorrei chiederle se è possibile è questa. Ma se i sintomi sono gli stessi e uno si cura con i normali antipiretici guarisce ugualmente?Sono stata dal mio medico visto che ho tosse secca, mal di gola, nausea, e qualche linea di febbre (37.2 la sera) ma lui mi ha visitata e mi ha detto che ho una leggera asma da allergia e mi ha dato l' areosol, gli ho chiesto dell' influenza suina e mi ha detto che non mi devo preoccupare...Ma come fa a sapere che non c'è l' ho se non mi ha fatto nepp fare gli esami?La prego mi risponda....
[#3] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Beh, in effetti non si puo' fare diagnosi certa senza gli specifici test. Ma lei si immagina se si dovesse fare il test a tutti quelli che fanno uno starnuto? Il Medico di Famiglia esiste proprio per questo: per effettuare un primo screening e indirizzare agli step successivi soltanto i pazienti meritevoli di ulteriori approfondimenti diagnostici... E' importante dunque basarsi sul rapporto di fiducia che lei ha con il suo Medico e seguire sempre attentamente le sue indicazioni.
Cordiali saluti