Utente 183XXX
Salve! Ho 40 anni e ultimamente mi e' successo che dopo circa 1 mese che non avevo rapporti ho eiaculato normalmente e cosi' il giorno dopo.Il terzo giorno,(ho un po' di vergogna) ho eiaculato manualmete in modo forse un po' troppo violento e ho avuto uscita di sperma con abbastanza sangue.Avendo avuto paura ho riprovato due giorni dopo avendo un risultato minore e cosi ieri a distanza di due giorni sempre con un risultato minore.Puo' essere stato dovuto alla prima volta che manualmente ho forzato troppo avendo l'idea di essermi schiacciato anchei testicoli?Grazie e auguri per questo sito molto interessante

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
caro lettore,

il collorito rossastro nello sperma o dello sperma non è in genere legato a patologie di rilievo. Sono tracce di sangue che possono fuoriuscire anche per "eccessi" sessuali
Se il fenomeno si ripetesse, allora si faccia vedere dal suo medico che le consiglierà uno specialista ( andrologo od urologo) cari saluti
[#2] dopo  
Dr. Renzo Benaglia
28% attività
4% attualità
8% socialità
ROZZANO (MI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Gentile Utente,
come le ha detto il Collega Pozza il fenomeno, nel suo caso, potrebbe essere legato a una contrazione delle vie seminali piuttosto importante.
Visto che comunque ha avuto più episodi io farei un controllo Specialistico.

Un cordiale saluto
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
se si verifica nuovamente anch'io le consiglerei una valutazione dermatologica
[#4] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
se si verifica nuovamente anch'io le consiglerei una valutazione dermatologica


errata corrige
valutazione urologica
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,
è vero, generalmente un'emospermia in un maschio adulto non è legata ad un problema andro-urologico grave, però a 40 anni non la sottovaluterei. Comunque , io personalmente , non le consiglio di aspettare un altro episodio per fare un controllo specialistico. Contatti e consulti , se non ancora fatto, il suo andrologo o urologo di fiducia come le signore consultano regolarmente il loro ginecologo.
Un cordiale saluto.
[#6] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
volendo rimanere assolutamente in un campo speculativo, potrei dirLe che l'emospermia (presenza di sangue nel liquido seminale) molto raramente può essere ascrivibile a seri quadri patologici (per esempio, tubercolosi genitale, tumori etc). In genere in tali casi si accompagna invariabilmente ad altri segni e/o sintomi clinici che, mi pare di poter dedurre, nel Suo caso sono assolutamente latitanti.
A volte, e direi molto più spesso, l'emospermia è ricollegabile a processi infiammatori delle vie genitali (per esempio, uretriti, prostatite, orchi-epididimite), ma anche in tali casi l'anamnesi e la clinica vengono in grande aiuto per la diagnosi corretta.
Ancora più frequente, infine, la possibilità che l'emospermia sia una conseguenza di una congestione venosa magari per prolungata astinenza eiaculatoria (sembrerebbe il Suo caso), oppure conseguenza di traumatismo durante il coito o dopo coito interrotto.
Rimango di proposito nel vago. E ovvio che il fenomeno va debitamente tenuto in considerazione mediante controllo clinico Specialistico. Una emospermia sporadica richiederà magari solo controlli periodici, mentre in caso di emospermìa più frequente non sarà superfluo iniziare un iter diagnostico anche laboratoristico e strumentale.
Auguri affettuosi per tutto e cordialissimi saluti, Prof. Giovanni MARTINO