Utente 112XXX
Buonasera a tutti i magnifici professionisti che collaborano con questo sito e grazie x il prezioso servizio che mettete a disposizione di noi utenti.....
Presento subito il mio caso: a seguito di una visita ginecologica di circa un mese e mezzo fà la mia (nuova) ginecologa mi ha prescritto una lunghissima serie di controlli tra cui anche la curva glicemica. Premetto che ho intenzione in un futuro molto vicino di cercare di avere un bambino e quindi tutti gli esami che ho effettuato erano mirati ad una futura gravidanza e sopratutto a verificare preventivamente il mio stato di salute.
Eseguita la curva glicemica sono tornata dalla mia ginecologa e le ho mostrato i referti; preoccupata sia x i riusulati della curva glicemica sia x alcuni esami del sangue mi consiglia di prendere immediatamente un appuntamento con un diabetologo x una visita specialistica in quanto i valori dell'insulina erano alti.
Io allarmata vado dal mio medico di famiglia x la richiesta della visita specialistica e con l'occasione faccio visionare anche a lui gli esami eseguiti.
Il mio medico quasi scoppia a ridere e dice che potevo tranquillamente evitare di andare dal diabetologo perchè non ce n'è bisogno e di stare tranquilla.
Di seguito riporto i risultati della mia curva glicemica:
Curva da Carico Glucidico:
Glucosio somminist.: 75g
Glucosio base: 87 Val. di Rif: 65-110
Glucosio a 60': 133
Glucosio a 120': 98
INSULINA:
metodo in uso: ECLIA
INSULINA dopo carico di glucosio
BASALE 8.7 rif.: Val. di Rif: 5.0-20.0
+ 60': 109.6
+120': 117.1
A questo punto sono un pò confusa e quindi volevo un consiglio, devo effettivamente recarmi al più presto da un diabetologo come prescritto dalla mia gine oppure posso essere serena?
La mia gine è forse stata oltremodo scrupolosa o il mio medico un pochino superficiale? e sopratutto con i valori che ho descritto effettivamente sono a rischio di aborti? Ho letto che l'insulina alta provoca aborti.
Ho 33 anni sono altra 1,63 e peso 54 kg.
Grazie anticipatamente a chiunque voglia rispondermi e aiutarmi a fugare questi dubbi.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Andrea Del Buono
28% attività
16% attualità
12% socialità
CELLOLE (CE)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2004
Gentile Signora,
al momento non ha bisogno del diabetologo. E' comunque opportuna una dieta con adeguato apporto di carboidrati ed eseguire, in corso di eventuale gravidanza, gli ooportuni tests di screening per il diabete gestazionale.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 112XXX

Iscritto dal 2009
Grazie Dr. Del Buono,
che emozione ricevere una risposta.....!!!
volevo solo aggiungere dei particolari: negli ultimi 2/3 anni quasi inspiegabilmente ho più fame rispetto al passato e più "voglia" di mangiare sia cose dolci sia cose poco salutari che in passato invece ho sempre evitato e comunque mai ricercato.
Sono sempre stata una persona magra, altezza 1,63 x 51/53 kg mentre negli ultimi 3 anni sono ingrassata fino a pesare quasi 57 kg, peso MAI raggiunto in vita mia.
Ho una struttura fisica e un'ossatura esile e a detta di tutti ho sempre mangiato "come un uccellino".
Vero è che non faccio più sport e movimento come prima ma non mi spiego questa voracità che alle volte mi assale.
Questo cambiamento può dipendere ed essere collegato all'insulina?
Forse così mi spiego questo aumento di peso e questo maggiore appetito.
Altro particolare....a volte durante il giorno sento tantissimo il bisogno di bere e una forte arsura anche se è passato poco dall'ultima volta che ho bevtuo.

Inoltre vorrei chiederle una precisazione: nella sua risposta parlava di esami x il diabete gestazionale, ma rientra nei controlli di routine x la gravidanza oppure è opportuno nel mio caso visti i valori dell'insulina nella mia curva?

La ringrazio tanto x il tempo che mi ha dedicato e che vorrà dedicarmi.
Cordialmente.
[#3] dopo  
Dr. Andrea Del Buono
28% attività
16% attualità
12% socialità
CELLOLE (CE)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2004
Sicuramente un iperinsulinismo può portare ad aumento di peso. Ribadisco la dieta e attività fisica. Gli esami in gravidanza sono routinari. Cordiali saluti