Utente 183XXX
Sono un uomo di 33 anni il miopene in erezione misura 14,5 cm diametro 3-3,5. Vorrei aumentare le sue dimensioni permanentemente, esistono dei farmaci ingrado di farlo?
Mi è stato consigliato terapia ormonale con DHT(androstanolone)gel da applicare sul glande+terapia amminoacidacon arginina e lesina.In attesa di un cortese cenno di riscontro colgo l'occasione per porgere cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Salvatore Macaluso
24% attività
0% attualità
0% socialità
CAMPOFELICE DI ROCCELLA (PA)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2006
Le consiglio di lasciar perdere le misure , ciò che conta è che non abbia problemi durante i rapporti sessuali . Se poi vuole proprio " ingrandirlo" , non penso che otterrà risultati con la terapia medica (si risparmi i soldi) ma dovrà sottoporsi ad un intervento chirurgico.
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,
prima di impostare qualsiasi terapia , è fondamentale una attenta valutazione andrologica diretta. Ad esempio mi sembra strano il diametro di 3.5 cm da lei riferito. In sostanza è giunto il momento di fare un controllo andrologico come le signore periodicamente consultano il loro ginecologo.
Un cordiale saluto.
[#3] dopo  
Utente 183XXX

Iscritto dal 2006
Illustre Dr. Giovanni Beretta,
Il diametro da me riferito è esatto,mi devo preoccupare?
è strano perchè è molto al disotto della media?
Comunque durate l'erezione ho la senzazione che nel pene non arrivi abbastanza sangue.La terapia mi è stata consigliata da un andrologo tramite internet su un sito
analogo a questo.Vi ringrazio infinitamente per l'attenzione prestatami.
Cordiali Saluti
[#4] dopo  
Dr. Renzo Benaglia
28% attività
4% attualità
8% socialità
ROZZANO (MI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Gentile Utente,
non credo troverà benefici con la terapia che le è stata prescritta.
Ad ogni modo la lunghezza del suo pene è assolutamente nella norma; quello che risulta strano, come afferma giustamente il Collega Beretta, non è tanto la misura del diametro ma è il fatto che noi Andrologi ci regoliamo in base a lunghezza e circonferenza del pene, non al diametro che trovo veramente difficile da poter misurare.

Un cordiale saluto
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
un'altra cosa strana che le è capitato è aver trovato un collega specialista che ,senza una valutazione clinica complessiva diretta della sua situazione ,le abbia prescritto via internet una terapia di tipo ormonale.
Cordiali saluti.
[#6] dopo  
Dr. Salvatore Macaluso
24% attività
0% attualità
0% socialità
CAMPOFELICE DI ROCCELLA (PA)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2006
Gentile utente ,
ormai per esperienza sò che quando si presenta un paziente e comincia a dare i numeri sulle misure del proprio pene ,queste sono sistematicamente errate . Questo è il motivo per cui le avevo consigliato di lasciar perdere i numeri . Tra l'altro avevo notato che lei parlava di diametro, che come afferma il collega Renzo Benaglia, non viene utilizzato come parametro . Ma dando per buono che lei sia riuscita nell'impresa di misurarlo ( 3,5 cm , penso a pene flaccido) e lo moltiplichiamo per 3,14 (numero fisso) lei ha una circonferenza a riposo di 11 cm (scusate se è poco!). Tenga conto che mediamente a pene flaccido la circonferenza mediamente è di 9 cm . Ciò che ancora non ho capito e che mi pare importante è : come funziona questo pene ? Ha motivo per esserne insoddisfatto ? Il volerlo più grosso,così come a me è sembrato di intuire, è solo un fatto estetico ? Chiudo ricordando a lei e a tutti gli altri lettori che i consigli che vi forniamo via internet non vi esonera dal consultare direttamente lo specialista competente . Quà si discute di "probabili diagnosi" ma la diagnosi corretta la si esegue in ambulatorio con il paziente presente fisicamente .
[#7] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
confermo quanto detto dal collega macaluso
[#8] dopo  
Utente 183XXX

Iscritto dal 2006
Illustre dott. Macaluso
Le dimensioni da me fornite sono in erezione. Nella mia ignoranza ho pensato che il diametro rendesse meglio l'idea, circonferenza 11 è un enormità difficilmente quantificabile, è più facile immaginare un cerchio diametro 3,5 quindi: una volta misurato la circonferenza ho usato la famosa relazione matematica
C=2r3,14; 2r=C/3,14. Sono insoddisfatto:anche l'occhio vuole la sua parte specie nel nostro tempo. Un pene più grosso predispone meglio una donna già dalle fasi preliminari del sesso, specie in quelle donne che sono nelle condizioni di fare paragoni,oggi quasi tutte. La psiche mi mette in condizioni di rifiutare rapporti sessuali con donne palesemente interessate per paura di "Magre" figure. Come già ribadito ho la sensazione di poco afflusso di sangue nel pene, non sento una saturazione completa, che ci siano quindi delle potenzialità inespresse. Dai consigli ricevuti da Voi Illustri medici emerge unanime il consiglio di sottopormi a visita specialistica, sto già prendendo contatti; sorge un altro dato da enfatizzare: QUESTO E' UN SITO SERIO! Nel ringraziarLa infinitamente Le porgo
Cordialissimi Saluti.
[#9] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,
le riconfermo, da parte mia, la necessità di una valutazione clinica diretta , soprattutto in queste particolari situazioni cliniche. Solo in questo modo si potrà capire qual'è veramente il suo problema(psicologico, vascolare o altro ).
Ancora un cordiale saluto.
[#10] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
premesso che una visita specialistica andrologica è assolutamente necessaria per tradurre in termini medici quelli che sono solo Suoi dubbi o perplessità, derivati da un confronto soggettivo con altri uomini o addirittura derivati da escursioni nell’universo di babele sull’argomento presente in Internet, vorrei chiarire che:

1) Sulla base di quanto riportato nella letteratura mondiale sull’argomento, le misure del Suo pene sono assolutamente comprese nel range di normalità. E’ una prova di fiducia che Le chiedo perché volutamente non darò come suol dirsi i numeri. Non voglio scatenare una discussione sulle dimensioni del pene in questo forum, non serve a niente. E’ come parlare del seno femminile, sappiamo che Monica Bellucci lo ha perfetto e beh? In ogni caso, quello delle dimensioni è un argomento delicato che deve essere valutato caso per caso, medico-paziente, dopo una accurata raccolta anamnestica di dati relativi alla vita sessuale di coppia e non.
2) Non ho mai consigliato interventi chirurgici di falloplastica additiva a pazienti che me l’abbiano richiesto puramente con lo scopo di adeguare le dimensioni del proprio pene a quelle ritenute ideali dopo un confronto con amici, colleghi, fotografie, film o per sentito dire. Inizio a considerare l’opzione chirurgica quando alla base della richiesta vi sono obbiettivi problemi di ordine anatomico o funzionale tali da creare difficoltà nell’espletamento di una sessualità appagante o difficoltà ad esaudire un desiderio di concepimento. Gli interventi di falloplastica non sono una passeggiata, anche da un punto di vista economico, ma quello sarebbe il meno per alcuni pochi fortunati.
3) Voglio fare un esempio: VI SONO UOMINI CHE HANNO COME NUMERO DI PIEDE 37, 40, 45. TUTTI SONO OVVIAMENTE NELLA NORMALITA’ PIÙ ASSOLUTA. A NESSUNO VERREBBE IN MENTE DI CHIEDERE UN ALLUNGAMENTO DEL PIEDE DA 39 A 44. OPPURE, VI SONO UOMINI CON MANI N° 7, 8, 8 E MEZZO, TUTTI OVVIAMENTE NELLA NORMALITà PIÙ ASSOLUTA. MA A NESSUNO CHE HA UNA MANO 7 VERREBBE IN MENTE DI CHIEDERE DI ALLUNGARLA A 8. NON SO SE MI SPIEGO. Quello che voglio sottolineare è che le motivazioni devono essere ben altre e mai si deve sottovalutare un inevitabile aspetto psicopatologico.
5) ATTENZIONE: troverà su internet colleghi medici o presunti tali che Le proporranno pomate, creme e unguenti miracolosi; comprese strabilianti; che Le vorranno attaccare pesi e tiranti al pene per ore ogni giorno. Le dico solo di assicurarsi almeno della loro buona fede e della loro qualifica e di dare fondo a tutto il Suo buon senso.
Affettuosi auguri per tutto quello che di bello L’attende nella vita. Cordialissimi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
[#11] dopo  
Utente 183XXX

Iscritto dal 2006
Illustre Prof. Giovanni Martino
La ringrazio infinitamente per i consigli. Le auguro di continuare a fare del bene come Lo avete fatto a me con questa bellissima lettera.Saluti Affettuosi!