Utente 112XXX
Gent.mi Dott.ri,
sono una donna di 30 anni. All'età di 27 anni mi è stata diagnosticata un'acne tardiva comedo-pustolosa (se non ricordo male). Ovviamente il disagio psicologico è stato molto forte. Dopo aver consultato diversi dottori (dermatologi e ginecologi) mi è stato detto, sebbene i valori non fossero troppo sballati, che il mio corpo non produceva abbastanza ormoni (forse per eccessiva magrezza) cosa per cui mi si formavano delle microcisti ovariche. Dopo temporanei miglioramenti tramite creme topiche, ho "risolto" il problema tramite l'assunzione della pillola yasmin. Dopo 2 anni di assunzione ho provato a smetterla definitivamente lo scorso inverno perchè mi creava spesso nausea persistente: il ciclo spontaneo è comparso dopo 45 giorni ma nel frattempo iniziavano a ricomparire dei brufoli sulle guance. Io mi sono allarmata immediatamente e ho deciso di riprendere subito la pillola. Per cercare di rimediare alla nausea il mio medico curante mi ha prescritto yasminelle. la sto assumendo da circa 5 mesi. Il problema è che da un po'mi stanno comparendo delle chiazze sul viso rosso intenso (brufoli?) e nella prima settimana del blister compaiono fortissime emicranie che non mi fanno dormire. (Forse il mio corpo non tollera più la pillola o è la pillola che è troppo leggera?). Per questo motivo ho pensato che forse dovrei smettere l'assunzione ma sono terrorizzata dall'idea che ricomapaia l'acne. Non posso nemmeno pensare di rivedere il mio viso ricoperto di pustole a 30 anni. Secondo voi cosa posso fare? Si può vedere (mentre si assume la pillola) tramite dosaggi ormonali o altri esami se la situazione si è risolta? é meglio rivolgersi ad un dermatologo o ad un ginecologo per essere seguita durante la sospensione?
Vi ringrazio per l'attenzione e per le risposte

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Salve,
io ero convinto che la nuova pillola gliela avesse prescritta il suo ginecologo e non un semplice medico di base! Sono rimasto basito quando solo all'utima riga mi sono reso conto che la prescrizione era stata fatta da un medico di base!
Vada dal ginecologo, sia perchè la pillola potrebbe non andare bene, sia perchè in realtà potrebbero essere insorti altri problemi disendocrini come un iperandrogenismo. La cura di base è del ginecologo che dipari passo col dermatologo farà la terapia più nadatta al suo caso. Non è corretto da parte di un medico di base prescrivere la pillola ad una sua paziente!!!

Cari saluti

Mocci
[#2] dopo  
Utente 112XXX

Iscritto dal 2009
Oh mamma... mi spaventa un po' la sua risposta. Il mio medico mi ha detto che yasminelle è sostanzialmente come yasmin ma un po' più leggera... non immaginavo fosse così grave.
Cosa intende con iperandrogenismo? e che esami devono essere effettuati per diagnosticarlo? Lei crede che allora i sintomi che accuso possano dipendere da questo? La sospensione della pillola aggraverebbe la situazione?

Grazie per la risposta
[#3] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Signora, niente di grave, semplicemente lasciamo fare ad ognuno il suo mestiere: il medico di base è una ottima figura professionale, ma non è un tuttologo. Per quanto riguarda poi l'iperandrogenismo è semplicemente una delle ipotesi da vagliare, ma solo da parte di uno specialista ginecologo che faccia anche dell'endocrinologia e da un dermatologo per l'aspetto cutaneo. A ognuno il suo mestiere.

Cari saluti

Mocci