Utente 143XXX
Gentili dottori,
Dopo l'ennesima visita dal mio dermatologo poco tempo fa, per curare quella che mi è stata diagnosticata come dermatite seborroica, mi ritrovo di nuovo punto d'accapo, pelle che si spella nelle zone basette, attaccatura capelli naso etc, arrossamenti diffusi quasi inesistenti, e la cura, ver alga seb, praticamente inutile.
Ora, sono perfettamente cosciente che questa patologia è cronica, e, nel mio caso si è sviluppato attorno ai 18 anni, periodo in cui gli ormoni son indubbiamente schizzati a mille producendo ulteriore sebo, tuttavia mi chiedevo se fosse possibile non rirovarsi dopo una doccia e al mattino con la pelle spellata, che, nonostante i lavaggi con acqua, continua a spellarsi in alcuni punti.
Sullo sterno, zona dove invece le macchie rosse risultano evidenti metto diprosalic, che tutavia uso solo sullo sterno, da ottimi risultati, però sapendo che è un cortisonico non voglio applicarlo anche sul viso.
Escludendo dunque il cortisonico, ora come ora, esiste una cura EFFICACE, per trattare gli inestetismi di questa sgradevole malattia (in particolare le spellature o chiamiamoli screpolamenti insomma quello), oppure le visite dai dermatologi son soldi buttati (dispiace dirlo ma non ne cavo un ragno dal buco).

Immaginatevi soltanto che lavandovi il viso con l'acqua la pelle invece di pulirsi, si "desquama" ulteriormente, è una tortura.

[#1] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Alla sua domanda e' gia' stata data risposta in Area Dermatologia.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Gent.le pz
la sua descrizione evoca effettivamente una dermatite seborroica, dermatite piuttosto frequente, ad andamento cronico recidivante, con causa non del tutto chiarita (verosimilmente è coinvolto un lievito, il pitirosporum ovale, ma entrano in gioco fattori legati al "terreno"predisponente). Ed anche a stress e fattori stagionali
Una volta puntualizzata la diagnosi il terapeuta ha varie armi con cui contrastare la patologia.
Essendo una dermatITE (otITE, rinITE, flebITE) dove la terminazione in ITE indica la parte infiammatoria, è chiaro che i cortisonici possono essere utili.
Ma se pensa alle infiammazioni come ad una risposta dell'organismo ad un attacco (magari ad microorganismi ), ecco che capirà come sia poco produttivo "legare"le mani all'organismo per impedire la reazione flogistica, e sia più opportuno intervenire in altra maniera (Ketoconazolo, disolfuro di selenio, atb per os, etc).
Tutto ciò però è opportuno che segua la visita specialistica , a cui la invito con fiducia.
Cordialità
[#3] dopo  
Utente 143XXX

Iscritto dal 2006
Gentile dottore,

ha da consigliarmi un centro o uno specialista in particolare a milano?

Sia Pubblico che privato
[#4] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Gent.le pz
per motivi di correttezza deontologica e di aderenza alle linee guida del sito, purtroppo non possiamo dare questi tipi di informazione.
Certi che la patologia è affrontabile agevolmente dalla stragrande maggioranza degli specialisti, le potremmo consigliare di rivolgersi alla struttura (o specialista )più comoda e vicina.
Cordialità
[#5] dopo  
Utente 143XXX

Iscritto dal 2006
Gentili dottori,

Volevo sapere un vosto parere sui numerosi articoli disponibili su internet, sia inglese che italiano riguardo la spiegazione della dermatite seborroica come l'espressione cutanea di una alterazione biochimica delle membrane cellulari il cui equilibrio omeostatico è in gran parte dipendente dalla vitamina E. Senza contare che si fa più volte riferimento a carenze di acidi grassi e antiossidanti.
Non è pensabile affrontare la dermatite sulla base di integratori per via orale e creme topiche per riportare la pelle in equilibrio?

Ps.:vorrei sottoporre alla vostra attenzione, inoltre, questo interessante articolo http://salute.donne.virgilio.it/extra/031/intervista.html

Le ricerche del DOTTOR SIRO PASSI e del DOTTOR FERDINANDO IPPOLITO sono state accettate dalla comunita scientifica circa la cura della DS?
[#6] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Gent.le pz
della D.S. si ormai detto tutto , e il contrario di tutto.
La bibliografia , index o non index su questa materia è tale che con la carta utilizzata per gli articoli potremo deforestare mezza Amazzonia!
Mi ricordo che nel passato si sono affacciati numerosissimi studi che chiamavano in causa ora la Biotina (altra vitamina), e via alti dosi di questa senza grossi risultati per altro, ora lo zinco (idem) ora la niacina, etc, etc.
D'altronde ,visto che in Italia il consumo di olio di oliva è notevolmente più alto che in altri paesi del nord europa, mi chiedevo ....in che condizioni saranno i tedeschi o gli inglesi????
Ripeto che la patologia ha ancora aspetti sconosciuti, da esplorare, e sicuramente tutti questi studi sono validissimi, ma allo stato attuale ritengo che sul piano terapeutico i farmaci da me prima citati siano i più efficaci (da cui il criteri ex adiuvandibus; se fa bene un antimicotico vuol dire che......).
Esistono comunque altri farmaci attivi, dai retinoidi al pimecrolimus, ma ripeto:deve essere coordinato dal suo specialista!
Cordialità
[#7] dopo  
Utente 143XXX

Iscritto dal 2006
Gentile dottore,
la ringrazio per il tempo concessomi.
Avrei solo un'ultima curiosità.


Ho notato che non presento alcuna chiazza rossa sul viso o nel cuoio capelluto, ma soltanto una leggera desquamazione che si accentua soprattutto nei cambi di stagione dopo una doccia per esempio.

Ciò che voglio dire io, è possibile che una dermatite seborroica si manifesti solo con desquamazione e messun rossore?? Oppure ci sono altre patologie compatibili con la mera dequamazione?

Nella seconda ipotesi credo sarebbe piu opportuno rivolgermi ad un nuovo dermatologo, per vedere se mi da conferma della precedente daignosi.

Saluti