Utente 112XXX
buongiorno,il mio problema sorge da 2 anni ,problemma di ansi e panico credo,mi alzo la mattina e tempo 3 minuti sono gia agitato,e o il respiro corto.
ho 38 anni,maschio,sotto scalare metadonico,epatite c,reflusso gastrico.
dopo tanti ps con vari ecg,rx ecocardio,ecc,che erano tutti nella norma tranne le transaminasi alte e il reumatest a 40.mi hanno fatto fare nel 2009 il 5/5 un ecg da sforzo,le scrivo il risultato anche per capire se' questo puo causare la tachicardia,ansia ecc.
il paziente è stato sottoposto a test ergometrico su tappeto rotante,secondo protocollo di bruce.
motivo esame:paziente con sintomatologia atipica.
(ricordo che io non corro da 4 anni,fumo 15 sig.al di',al momento dell'ecg molto ansioso)peso 80kg alt.187
prove funzionali:non effettuate
il test,massimale,è sato interrotto al 7° minuto per raggiungimento della fc massima teorica.3° stadio.
allo stop:frequenza cardiaca di 159 b/min,pari al 87.4% della fc massima teorica;pres.arteriosa:160/80 mmhg;doppio prodotto:25440
il paziente è rimasto asintomatico per angina pectoris.
si sono osservate modificazioni del tratto st-t,con soglia al 0° stadio,caratteristica da sottoslivellamento rettilineo di 1.0 mm.
assenti turbe del ritmo.
giudizio test dubbio per ischemia miocardica da sforzo
commenti:dubbia positivita' in infero-laterale all'apice dello sforzo.complet con eco-stress con dipiridamolo se finestra idonea.
ecco questo è tutto,mi dia un parere,soprattutto per l'ansia sè è una complicanza.grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, il test da sforzo da lei praticato ha evidenziato, sebbene lei non abbia dato luogo a sintomi di carattere cardiaco (angina e dispnea in primis) o ad eventi aritmici, una classica alterazione elettrocardiografica compatibile il più delle volte (ma non sempre!!) con ischemia (ossia sofferenza) cardiaca. Il collega, pertanto, ha per scrupolo consigliato un ulteriore approfondimento diagnostico come l'ecostress farmacologico, esame utile ad evidenziare, mediante l'infusione di un farmaco endovena, meglio eventuali alterazioni della motilità cardiaca. L'ansia non è stata certo la causa delle alterazioni elettrocardiografiche.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 112XXX

Iscritto dal 2009
grazie dottore,comunque questo problea puo' causare tachicardia improvvisa?grazie
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
L'ansia è certamente causa di tachicardia improvvisa, cui in taluni casi può addirittura associarsi sudorazione algida, aumento pressorio e difficoltà respiratoria.
Saluti
[#4] dopo  
Utente 112XXX

Iscritto dal 2009
Grazie,le darò eventuali notizie sulla diagnosi.