Utente 994XXX
Buongiorno Dottore,
le scrivo per un problema di mia madre relativo a dolori diffusi su tutto il corpo: mia mamma ha 56 anni. iniziamo col dire che è sempre stata affetta da dolori nella parte alta della schiena (soprattutto cervicali), è stata operata di tunnel carpale su ambo le mani, e le è stato detto che soffre di reumatismi (in seguito ad alcuni esami si è visto che soffre di una particolare forma di artrite).Le dita delle mani, in alcuni punti presentano delle piccole protuberanze (quasi delle piccole deformazioni) soprattutto su indice e pollice.Ultimamente si è verificata una acutizzazione di tali dolori con estensione anche alle gambe e un senso di stanchezza: gli esami del sangue dicono che è tutto ok.
Il medico prescrive voltaren o farmaci simili che risultano fastidiosi per lo stomaco: tempo fa sono state fatte delle sedute di agopuntura con leggeri benefici.Mia mamma è in particolare preoccupata perchè ha sentito che quelli che ha lei sono i sintomi della sclerosi e si è agitata.
Devo precisare che mia mamma, che fa la casalinga, è sempre in movimento tutto il giorno fa mille attività, spesso è in piedi anche quando pranza o cena e al pomeriggio on riposa ed in più alla sera va a letto tardi (minimo a mezzanotte e mezza/l'una): secondo me così facendo è dura che i dolori regrediscano...
In più c'è il materasso molto morbido, che probabilmente non aiuta la postura.

Secondo lei che pericoli ci sono e quali rimedi si potrebbero attivare rispetto alla situazione che le ho descritto?

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Prof. Mauro Granata
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Buonasera a lei,
da quanto da lei riferito i disturbi sembrerebbero legati ad una situazione degenerativa artrosica e/o muscolotensiva. Il fatto è che curiosando tra le sue precedenti richieste di consulto ho notato che lei soffre di psoriasi. Questo dato potrebbe cambiare completamente la prospettiva perchè capita a volte che questa malattia si complichi con un interessamento articolare. Inoltre anche la semplice familiarità può costituire, in caso di poliartralgie, un elemento da approfondire nel contesto di una visita specialistica reumatologica. Cordiali saluti.

Mauro Granata