Utente 113XXX
Salve, ho 28 anni ed il mio problema è iniziato intorno a metà dicembre 2008 con la comparsa di una lesione rosacea sulla lingua di circa 4 mm di diametro. La lesione, visto che non scompariva è stata bioptizzata con il risultato di lichen orale. Ho iniziato allora una terapia topica con cortiarscolloid una volta a giorno per circa 3 mesi, ma la lesione è progredita, anzi ora ce ne sono due, una di circa 2,5cmx1cm e l'altra di 0,5cmx1cm, entrambe asintomatiche. Visto il carattere evolutivo, il dermatologo mi ha prescritto terapia cortisonica sistemica con medrol 16mg una volta al giorno che sto facendo da 5 giorni senza alcun miglioramento visibile. Ora le mie domande sono:
- la scelta terapeutica (ed in particolare il dosaggio) è idoneo/condivisibile?
- dopo quanti giorni possono essere valutabili gli effetti della terapia? (nel senso: dopo quanti giorni si può dire con una certa sicurezza: "si, la terapia funziona" o "no, non funziona", cambiamola)
- nel caso non dovessere rispondere alla terapia cortisonica, esiste qualche farmaco che sicuramente funziona (es. ciclosporina?)(nel senso: esiste un modo per far arrestare la progressione della lesione e farla ridurre, o mi devo rassegnare?).

Grazie.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le pz
l'atteggiamento del terapeuta nei casi di lichen orale è variabile a seconda della sua morfologia ,della sua durata e della sua evoluzione, nonchè di altri fattori concomitanti .
La malattia va vista globalmente ,valutando i fattori irritativi locali(fumo,problemi dentari,etc)e generali (tra cui è valutabile il fattore stress).
Come detto le forme sono tante (bollose,eritematose , erosive)e possono progredire , per cui il terapeuta deve valutare SUL PAZIENTE, cosa che non si può fare per via telematica.
I cortisonici sono ampiamente utilizzati (e non sono i soli farmaci);dia fiducia al suo medico.
Cordialità
[#2] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2005
La risposta del Collega Griselli, mi sembra ampiamente condivisibile: l'indirizzo dermatologico è esclusivo in questi casi. Segua quindi i dettami del suo specialsita.

cari saluti