Utente 189XXX
Mia moglie affetta da epatite C, genotipo 2,ha concluso il 23/06/2006 la terapia di interferone prescritta dall'epatologo.
Durante la terapia ha subito in modo lieve la maggior parte degli effetti collaterali previsti.(stanchezza,dolori muscolari,irritabilita',depressione.....).
Gli ultimi esami delle transaminasi hanno confermato il successo della terapia.
Ebbene, dopo qualche giorno dall'ultima fiala e' iniziata una sempre piu'frequente caduta dei capelli,cosa che ancora oggi (dopo tre mesi circa)continua.
La quantita' e'tale che s'incomincia a notare in piu' punti l'insfoltimento.
Vorrei sapere se il tutto e' imputabile alla terapia di interferone,nonostante siano passati tre mesi o e' subentrato qualcos'altro.
E' consigliabile un avisita dermatologica?
Grazie
Vi sarei grato se rispondeste alle mie seguenti domande:
La caduta dei capelli puo' iniziare una volta finita la terapia?

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Vittorio Crobeddu
24% attività
0% attualità
8% socialità
NOCI (BA)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2004
gentile amico,la terapia con interferone puo' interferire(scusa il gioco di parole)con il normale ciclo di crescita del capello.Inoltre,gli effetti dell'interferone sono a lungo termine,per cui non ci si puo' aspettare un miglioramento del diradamento in tempi brevi,ma non per questo non si puo' arrestare effluvium di tua moglie.Perteanto,ti consiglio di rivolgerti ad un dermatologo della tua citta' che sapra' seguirla e consigliarla al meglio.Saluti
[#2] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

Probabilmente lei parlando di interferne si riferisce all'interferon alfa 2 ricombinante:
Le giovi sapere che tale terapia può interferire seppur incostantemente con il ciclo del capello in senso proliferativo (aumento dei capelli/peli) che in senso bloccante.

In tal senso, un'aumentata caduta di capelli deve essere correttamente diagnositcata dal dermatologo per stabilire, sinteticamente, il tipo di patologia, le cause primarie ed associate, ed infine la corretta terapia.

Per completezza, è opportuno sapere che nel caso di sua moglie le possibilità patologiche della caduta di capelli possono essere riferite:

1) ad un telogen effluvium (caduta di capelli maturi)
2) anagen effluvium iatrogeno (caduta di capelli in fase di crescita per motivi farmacologici)
3) alopecia areata incognita (una forma simile al telogen ma divesa per causa)
4) altre patologie più rare del capello e del cuoio capelluto (lichen plano pilaris etc.)

Concordo quindi col consiglio di una visita dermatologica per capire agevolmente il quadro.
Cari Saluti.
Dott. Luigi LAINO
Dermatologo e Venereologo, ROMA