Utente 113XXX
Ho bisogno di alcune informazioni di tipo andrologico e al fine di un eventuale utilizzo di un estensore.
Inanzituttto il mio pene misura circa 8cm in lunghezza a riposo e circa sui 3 in diametro(non ho ben capito come stabilirne una misura precisa del diametro),mentre in erezione arriva ai 13 di lunghezza e circa a fino a 4 di diametro,leggermente(credo un millimetro o 2)maggiore nella parte centrale rispetto alla base e alla parte finale.

Ora premesso che so bene che anche se la media e sui circa 15-16 cm poteva comunque andarmi molto peggio ed anche se 13 cm si puo classificare come piccolo rimane comunque nella normalita.

Detto questo i problemi/dubbi aldila' della lunghezza sono i seguenti:
Quando il pene e' a riposo noto che lo stato di pelle che ricopre il corpo cavernoso e' decisamente superiore alla sua superficie e come coneguenza,soprattutto con il glande scoperto, si notano una serie di 'rughe'(tipo pelle raggrinzita) che oltre a essere antiestetiche hanno lasciato leggeri segni permanenti sulla pelle.
(l'idea dell'estensore tra l'altro era pensata propio per ridurre questo problema, in quanto allungando leggermente il corpo cavernoso la pelle sarebbe rimasta tesa in modo corretto eliminando, almeno da quanto ne ho dedotto io, le rughe e forse col tempo i segni).

A glande coperto invece questo difetto si nota moltissimo sul prepuzio invece,che e' decisamente piu allungato e sporgente di quanto dovrebbe essere.
Inoltre durante l'erezione rimane sotto il glande una specie di accumolo di pelle, che e' appunto il prepuzio, e questo oltre ad essere un fattore decisamente antiestetico e' molto fastidioso poiche' durante i rapporti(specialmente con il preservativo inserito)va a ricoprire piu volte il glande e crea fastidiose interruzioni per risistemarlo.

Sono sicuro che questo problema appena descritto e stato causato al 99% da un eccessiva masturbazione nell eta adolescenziale,che ha appunto provocato un allungamento della pelle.Ho ipotizzato che una possibile soluzione sarebbe la circoncisione, ma mi sono informato e non ne voglio sapere.

Insomma per arrivare all' estensore la mia idea sarebbe di usarlo per allungare il corpo cavernoso di circa 2-3cm in modo da rendere la lunghezza del pene adeguata alla quantita presente di pelle.Quello che mi sembra piu valido e' l' andropenis.

Tuttavia,aldila delle tesi contrastanti sulla sua efficacia vorrei sapere da parere imparziale se si corrono rischi ad usarlo anche se si segue tutte le procedure corrette, e naturalmente vorrei sapere se questo metodo descritto puo essere valido.

Ultima domanda,in passato sono stato abbastanza sovrappeso,attualmente sono alto 180cm e peso 84-85kg(corporatura media)e quindi mi chiedo:come si fa a stabilire se si soffre del problema del pene nascosto?Ho notato che se provo ad appiattire la pelle premendo sull osso pubico in erezione arrivo a circa 15-16cm,ma e' normale o si puo agire in qualche modo?
Grazie infinite a chi avra la pazienza di rispondere.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,personalmente ho delle storiche perplessità sull'utilizzo delle varie tipologie di estensori e,nel Suo caso specifico non credo,quindi,che possano aiutare a risolvere "il problema".Escludo che l'attività masturbatoria abbia potuto dar luogo alle pliche riferite,mentre confermo che un accumulo di grasso pubico possa dar luogo al determinismo del pene nascosto. Piuttosto che continuare ad "imballarsi" sulla opportunità o meno di ricorrere agli estensori,valuterei con maggiore attenzione l'ipotesi chirurgica legata ad una pubo plastica con eventuale riduzione anche della esuberanza prepuziale.E' chiaro che solo una visione diretta da parte di un esperto andrologo può consigliarLe la strategia migliore.Cordialità.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

dalla sua desctizione potremmo immaginare una condizione di discreta obesità a livello pubico, con una condizione di prepuzio "esuberante" ed una situazione "dimensionale" assolutamente normale per un maschio italiano.
L'uso degli estensori meccanici puà avere un suo significato ma non vedrei la sua situazione come una indicazione al loro impiego ( duro, pesante, fastidioso...)
ne parli con uno specialista e cerchi di riacquistare una adeguata autostima
cari saluti
[#3] dopo  
Utente 113XXX

Iscritto dal 2009
Vi ringrazio molto per le vostre(incredibilmente tempestive)risposte e ringrazio per la pazianza di aver letto tutti i 3000 caratteri della mia richiesta.

Nei prossimi giorni andro' da uno specialista per chiedere informazioni e conferme riguardo le strategie suggerite e risolvere i problemi elencati, eccetto la necessita' di riacquistare un' adeguata autostima,per la quale non credo di averne assolutamente bisogno.

Grazie molte.