Utente 107XXX
Buongiorno, chiedo cortes. un chiarimento circa la terapia t.a.o. e l'uso di antibiotici e cortisonici. La situazione riguarda mia madre, di 87 anni: da due anni circa è in terapia con coumadin (in media 1/4 di compressa al giorno)iniziata a causa di un trombo al braccio(scoperto in tempo e quindi eliminato chirurgicam.) dovuto a sospetta fibr. atriale. Ha avuto 8 anni fa una polmonite che le ha lasciato una sensibilità per cui bisogna fare molta att.ne a raffreddamenti, influenze ecc altrimenti causano subito bronchite. In questo periodo dopo aver passato un buon inverno ha avuto causa bronchite, bisogno di assumere antibiotico (1 al g.per 5 g)e deltacortene 25(per 5 g una compressa e poi a scalare). In questi giorni essendo programmato il controllo INR (che fa a intervelli di 4-5 sett. essendo i valori compresi tra 2 e 3), il valore era 2,51 ma le hanno comunque indicato di fare il controllo tra 2 sett. Volevo quindi sapere come interferiscono questi medicinali, se possono normal. abbassare o alzare il valore INR ed event. cosa fare a livello cibo (vit.K)per contribuire a mantenere i valori nella norma. Grazie e saluti-

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Ercole Tagliamonte
24% attività
0% attualità
12% socialità
NOCERA INFERIORE (SA)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
come sicuramente già saprà, molti farmaci (soprattutto antibiotici) ed alimenti influiscono sull'azione dell'anticoagulante, aumentandone o roducendone l'effetto. Non è però possibile quantizzare con precisione quanto la terapia influirà sull'azione anticoagulante del Coumadin, per cui in occasione di terapie antibiotiche, o generalmente di modifiche ad eventuali terapie croniche, si consiglia di effettuare il controllo dei tempi di coagulazione più frequentemente del solito.
Cordiali saluti