Utente 113XXX
Sono un ragazzo di 34 anni ed ho subito in data 24/04/2009 un intervento di urgenza per colecistite acuta. I medici in dimissione mi avevano detto che da ora in avanti potevano essere più frequenti casi di diarrea dovuta al fatto che l'apparato digerente doveva abituarsi a "lavorare" senza l'aiuto della colecisti. Tuttavia a distanza di tre settimane dall'intervento continuano a persistere in me casi di stipsi. Non che non digerisca ogni giorno, ma ogni volta le mie feci sono dure e difficili da espellere. Volevo sapere se è una cosa normale e cosa posso fare per aiutarmi. Inoltre ho ritirato in ospedale il risultato dell'esame istologico il quale così diceva come Diagnosi: Colecistite cronica litiasica, riacutizzata, con estesi focolai necrotico-emorragici della mucosa. Il dottore di base mi ha detto che è tutto normale ma non mi ha spiegato il significato preciso dei termini usati. Potreste darmi una mano? L'esito degli esami del sangue da me effettuati 15 giorni dopo le dimissioni dall'ospedale hanno rivelato il valore dei GPT=60 un pò più alto del normale. Dovrei rifare gli esami tra un pò oppure tale valore alterato è una cosa da considerarsi normale dopo un intervento di detta specie? Grazie in anticipo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Personalmente consiglio ai pazienti di sottoporsi ad una visita di controllo a distanza di un mese, valutando anche se sia opportuno effettuare alcuni particolari accertamenti quando il caso lo richieda; pero' ogni Chirurgo ha abitudini diverse, pertanto lei segua le indicazioni che le hanno dato e comunque si rivolga sempre a loro in caso di complicanze inaspettate.
Complicanze che al momento sembrano non esserci: l'alvo deve ancora abituarsi, come infatti le hanno detto, e non tutti i pazienti presentano necessariamente diarrea...
Infine il referto istologico: indica che la cistifellea conteneva calcoli, e che era interessata da processi infiammatori cronici ma in fase di riacutizzazione al momento dell'asportazione: ed e' infatti proprio questo il motivo per cui le e' stata rimossa.
Cordiali saluti