Utente 509XXX
Salve ho 22 anni 1.93 x 85 kg sano come un pesce. Soffro da due anni di FAP risolta da un anno grazie all'assunzione di almarytm cpr 100, la mia domanda è proprio su questo, per stare tranquillo e non avere extrasistoli devo assumere quasi tutti i giorni 3 compresse, mi sa che sono un pò tantine, se non le prendo vado in fibrillazione, è il caso di ablare? un'altra cosa, per quello che ho letto sul web tutti e dico tutti con una FAP riscontrano una correlazione tra stomaco digestione cuore, e come me, sentono quando arriva e quando se ne va paragonando la sensazione ad una bolla. Cmq ormai ci convivo l'ho accettata e non soffro più d'ansia, ora il mio problema è che le pastiglie iniziano a non fare più effetto e ho paura che troppe facciano male. Se ablo cosa rischio? perchè alcuni mi hanno parlato di morte... grazie per la cortese attenzione

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, le moderne metodiche di ablazione della fibrillazione atriale vengono sempre più rivolte verso i casi di pazienti giovani, con crisi parossistiche (ossia di breve durata) e recidivanti come il suo caso, i cui rischi sono fondamentalmente legati ad eventuali recidive di fibrillazione atriale, ma di certo non sono causa di decessi, salvo improvvise e non preventivabili complicazioni. In definitiva trattasi di metodiche ampiamente studiate e ritenute del tutto sicure, consigliabili proprio in casi come il suo.
Saluti