Utente 113XXX
Salve,

A febbraio sono stato sottoposto ad un intervento di angioplastica (è la seconda volta, il primo dieci anni fa) con applicazione di stent (2,3), medicato (trattamento di 6 mesi in associazione con ASA.

Diagnosi cardiologiche alla dimissione: Cardiopatia ischemica: angina da sforzo in esiti di PTCA + stenting su IVA e MO. Persistenza di buon risultato di PTCA + stenting su IVA; eseguita PTCA + Stenting MO.

Trattamento terapeutico a domicilio:
Plavix * 75 mg (Clopidogrel)
Cardioaspirina
Atenololo (Tenomax)
Lansoprazolo (Limpidex * 30 mg)

Da qualche giorno ho problemi di diarrea. Leggendo le controindicazioni del Plavix, tra i problemi gastrointestinali c'è pure la diarrea, però il medico mi ha detto che sono obbligato a prendere quel farmaco per un anno.

Questo effetto collaterale può presentarsi anche dopo qualche mese?
Cosa posso fare?

Grazie mille
Arriverci

A.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, in linea teorica la diarrea è effettivamente un effetto indesiderato del clopidogrel, che fortunatamente, è tuttavia passeggera e difficilmente determina la sospensione definitiva del farmaco, anche se non vedo particolari controindicazioni ad una breve e temporanea sospensione del farmaco (solo per un paio di giorni ad es.) nel caso di prolungate scariche diarroiche giornaliere.
Saluti
[#2] dopo  
Dr. Ercole Tagliamonte
24% attività
0% attualità
12% socialità
NOCERA INFERIORE (SA)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
visto l'intervento che ha appena effettuato, il plavix è probabilmente il farmaco più importante da assumere al momento. Il suo effetto, infatti, serve ad evitare che il materiale dello stent, a contatto con il torrente circolatorio, attivi la cascata di aggregazione piastrinica che può portare a complicanze spiacevoli, come la chiusura dello stent stesso. Con il passare del tempo, lo stent sarà progressivamente ricoperto da cellule endoteliali che lo ingloberanno nella parete della coronaria ma, al momento, questa è una fase molto delicata in cui si consiglia di evitare, per quanto possibile, l'interruzione della terapia antiaggregante.
Cordiali saluti.