Utente 114XXX
Buonasera a tutti.Ho un problema molto fastidioso e preoccupante che si manifesta soltanto in alcuni momenti precisi .Credo sia un problema psicologico ma ne vorrei parlare comunque perchè è molto preoccupante.
Allora , in alcuni momenti della giornata ho spesso degli sbandamenti tipo Accellerazione del battito cardiaco e in quel momento mi sento come svenire o nono capisco più niente , sento come il mio cervello si spegnesse all'improvviso.In questo caso il battito aumenta fortemente e non riesco a fermare quest'evento.Capita durante situazioni particolari .Mentre leggo lo spartito e suono alle prove della mia orchestra e da nessuna parte in particolare.Può essere un problema psicologico? Io penso sia causato dalle masturbazioni.Mi masturbo circa 3-4 volte a giorno , ogni giorno.Sto circa 7-8 ore vicino al pc .Noto che ho anche una diminuzione di riflessi .Mi sento come isolato da tutto.Ma la cosa più preoccupante è l'accelerazione del battito e la sensazione di spegnimento totale di tutto.Possa essere un problema di vista perchè sto troppo al pc oppure un problema legato alla sessualità.Ho 18 anni e sono molto preoccupato.Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
qua mi pare che fra PC e masturbazione tempo per amicizie sia assai poco. Detto questo, che può essere la spia un carattere timido ed introverso, parli col suo medico di base dei suoi sintomi e la consigluierà al meglio
[#2] dopo  
Utente 114XXX

Iscritto dal 2009
Pensa che sia qualcosa di grave?Io sono molto timido , infatti mi capita solo in compagnia di insegnanti della mia scuole o durante le prove...
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
vorrei prima che venisseroescluse cause mediche vere e proprie del suo problema, poi mi se escluse, mi indirizzerei verso una psicoterapia, che quelle cose oltre alla timidezza le limitano la sua relazionalità con gli altri. Un relazionalità limitata per me è grave: spesso la genete rende al lavoro ed allo studio meno di quanto vale e non si diverte o si diverte poco.