Utente 194XXX
Buonasera.Sono un ragazzo di 19 anni e da un pò di tempo sono molto preoccupato. cercherò di spiegare la situazione il meglio possibile. A seguito di visita urologica , è emersa una ipermobilità testicolare sinistra. L’urologo mi ha però sconsigliato un intervento di orchidopessia preventiva in quanto io ero e sono totalemte asintomatico e, davvero, non avrei mai pensato di avere questa ipermobilità perchè non ho mai avuto nè problemi ( a parte una operazione di idrocele dx a 4 anni) nè dolori.pur sapendo che i vostri sono consigli "a distanza" vorrei avere alcune informazioni:
1)non bisognerebbe sempre consigliare una orchidopessia preventiva che, tutto sommato, mi eviterebbe dolore fisico ( che tuttavia si sopporta) e soprattutto dolore psicologico, dato dalla perdita del testicolo a causa di torsioni o sub torsioni, come mi hanno spiegato?
2)è davvero possibile che l'ipermobilità testicolare possa NON determinare episodi di torsione o sub torsione ( in quanto mi ha detto che molti hanno questa "patologia" senza mai accorgersene)? conosco persone che hanno avuto torsioni pur essendo asintomatiche....
3)la domanda più importante:considerando che sono molto emotivo, posso vivere tranquillo come tutti i ragazzi della mia età ( con le varie esigenze......)o devo continuare a preoccuparmi?
spero in un vostro cortese e cordiale aiuto. grazie davvero per il servizio che svolgete.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
mi complimento: Lei è una persona intelligente ed avveduta. Spesso si parla di eccessiva apprensione o addirittuta di ipocondria, mentre si tratta solo di voler salvaguardare il bene più prezioso che abbiamo e cioè la salute.
Detto questo.
Posso risponderLe per quello che mi riguarda, esponendo come vedo io il problema.
1) Diamo per scontato che Lei abbia una reale ipermobilità testicolare e che quindi si abbia una diagnosi inconfutabile. I segni clinici ed i sintomi sono evidenti alla visita di un paziente con "testicolo in ascensore". All'anamesi occorre poi valutare il numero e la frequenza degli episodi di risalita del testicolo, le occasioni provocate, spontanee o banali che ne determinano la risalita, le occasioni o le manovre necessarie per riposizionarlo nella sua sede naturale e tanti altri dettagli. Solo dopo vengono, ma non meno importanti, gli aspetti strumentali ecografici (volume, posizione preferenziale dell'organo) e colorDoppler (assoluta integrità dell'afflusso e deflusso ematico).
Tengo a precisare che sono i dati della visita clinica e quelli strumentali che decidono per l'intervento.
Ma è pur vero che uno non si leva una appendice sana solo eprchè in futuro potrebbe infiammarsi!!!
2) Diamo per scontato che Lei abbia una vita normale sia da un punto di vista sociale (lavoro, studio, guida moto, auto), sportivo e naturalmente sessuale.
3) Diamo infine per scontato che Lei non ha viceversa alcun segno o sintomo clinico, così come mi pare di capire dalla Sua mail.
Credo che messe le cose in questi termini, l'indicazione chirurgica all'intervento di orchidopessi mi sembrerebbe alquanto drastica e forzata. E' un intervento molto delicato, non si tratta solo di mettere due punti e via, comporta rischi generici e specifici, contempla possibili complicanze post-operatorie. Per affrontare tali rischi occorre più di un larvato sospetto.
Credo che Lei abbia fatto bene a considereare il problema, ma credo anche che Lei debba vivere in una maniera del tutto normale senza preoccuparsi di fatti che potrebbero non verificarsi per tutta la Sua vita. Ma prestando attenzione, insieme al Collega che La segue clinicamente da un punto di vista Andrologico, ad eventuali novità cliniche che dovessero presentarsi.
Spero di esserLe stato di aiuto.
Affettuosi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
[#2] dopo  
Utente 194XXX

Iscritto dal 2006
Grazie per il complimento... ora sono più tranquillo dopo aver ascoltato un secondo parere. ha ragione, non devo preoccuparmi così tanto, come non deve farlo chi ha un'appendice sana o chiunque altro. sì, la mia vita è assolutamente normale, tranquilla e poco sportiva, spesa tra l'università e qualche serata ai pub con qualche amico.grazie davvero. Arrivederci
[#3] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
auguri davvero, di cuore, per tutto...
Cordialissimi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,
vista la sua giovane età e il problema accennato ,ha già eseguito un esame del liquido seminale? Se non ancora fatto, potrebbe essere utile eseguire questa indagine che si può ritenere importante nella valutazione del suo quadro clinico.
Un cordiale saluto.