Utente 114XXX
Salve e grazie per l'attenzione innanzitutto, ho 22 anni da svariate mattine non ho più l'erezione al risveglio per diverso tempo ho accusate dolori non sempre costanti all' inguine sinistro soprattutto quando dopo essere stato seduto mi dovevo alzare,questo dolore poi si è esteso al testicolo sinistro, però tutto ciò si è attenuato anche se ogni doloro ancora un pò più all'inguine comunque che al testicolo, nonostante tutto ignoro l'origine di questoi dolori. Il problema più grande è che non ho più la durezza necessariaquando ho un erezione , il pene aumenta ma non si irrigidisce come qualche tempo fa e tutto ciò mi preoccupa enormemente.Vorrei conoscere il vostro illustre parere sulla mia situazione se è grave sulle possibili cause e su come dovrei muovermi in merito, e se c'è una relazione fra i disturbi sopra citati.Infine dovrei assumere sotto prescrizione del dermatologo per curare la calvizia serenoa repens 45% contenente msm,tocomax,the verde, mela,zico orotato,bamboo,astaxantina,calcio pantotenato,biotina,selenio metionina, e topicamente minoxidil 3% contenente progesterone,idrocortisone butirrato, 17 alfa estradiolo,glicerolo ed alcool, sto aspettando ad assumere tutto ciò perchè non vorrei che questo possa causare effetti collaterali e/o peggiorativa al desiderio sessuale,all'erezione ed alla produzione spermatica o peggio ancora possa causare infertilità cosa ne pensate?.Spero rispondiate alle mie domande.Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore ,

prima di iniziare qualsiasi terapia (alcuni farmaci da lei citati possono interferire negativamente parzialmente sulla sua risposta sessuale), si ricordi che quadri clinici complessi e particolari come il suo non possono essere affrontati e tanto meno capiti e risolti tramite una semplice e-mail e richiedono sempre una attenta valutazione clinica diretta .

A questo punto consulti il suo medico di medicina generale che, esaminato in prima istanza il suo problema, potrà eventualmente indirizzarla successivamente verso una più mirata valutazione specialistica andrologica.

Nell'attesa, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=22450.


Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 114XXX

Iscritto dal 2009
Grazie dottore per la risposta quali farmaci secondo lei da me citati potrebbero interferire? Saprebbe indicarmi un onesto e bravo andrologo in zona Mantova,Verona o comunque città limitrofe? La mia situazione secondo lei è grave, le è già capitato di trattare un caso simile e nellla maggior parte delle volte si riesce a curare tutto ciò?
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

ad esempio il progesterone, l'idrocortisone butirrato, il 17 alfa estradiolo.

Per la scelta dell'andrologo invece chieda un consiglio al suo medico di fiducia, anche il nostro sito la può orientare ed eventualmente può consultare pure il sito ufficiale della SIA (www.andrologiaitaliana.it).

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com

[#4] dopo  
Utente 114XXX

Iscritto dal 2009
Un ultima cosa,come si spiega che il dermatologo (famosissimo sulweb) ed il medico di base mi abbiano rassicurato sugli eventuali effetti collaterali della cura prescittami? dovrei cambiare dermatologo? Grazie e saluti.
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,

il problema non è quello di cambiare il dermatologo od il medico di medicina generale ma quello di sentire anche un esperto andrologo, visti i problemi sessuali che lei ha sollevato nel suo post.

La somministrazione di un derivato estrogenico o di un farmaco corticosteroideo, come ben sa un esperto andrologo, può alterare alcuni fragili equilibri ormonali legati ad esempio alla sua risposta e al suo desiderio sessuale.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com