Utente 108XXX
egr dottori vi sottopongo il mio caso sperando di avere consigli utili
premetto che sono un uomo di circa 36 anni di eta' da circa tre o quattro mesi eseguo delle misurazioni della pressione arteriosa spesso e ho notato che i valori non sono nella norma in pratica misurata piu' volte al giorno ho notato che la sistolica risulta tra i 145/135 e la diastolica tra 90/80 premetto che molte volte effettuo la misurazione a casa con apparecchio digitale e a volte nell'ipermercato adiacente con macchina professionale.
le misurazioni vengono effettuate piu' volte a distanza di qualche minuto ed infatti le successive misurazioni sono differenti intorno ai 135/85 di media.
qualche giorno fa' ho fatto la stessa cosa e mi sono ritrovato con d. 160 e s. 95!!
ho rimisurato allo stesso modo ma niente sempre la stessa dopo qualche giorno sono andato dal mio medico curante il qualche' l'ha rimisurata ed il valore era identico!!!, pertanto ha deciso di effettuare un esame del tipo holter pressorio.
faccio comunque presente di essere di soffrire di ansia e ultimamente ho attraversato un periodo di eccessivo stress emotivo, a causa di gravi problemi familiari.
soffro anche di insonnia e le mie abitudini di vita non sono il massimo anche se non bevo, non fumo ma sono abbastanza sedentario.
ultimamente ho sofferto anche di situazioni di malessere fisico abbastanza strano!!!
stanchezza, senso di vertigine, pesantezza alla testa, tachicardia, dolore gastrico digestivo, dolore alla parte superiore dell'addome, sudorazioni, senso di freddo e caldo come se avessi la febbre.
secondo voi esiste un collegamento tra questa condizione fisica e eventuale lo scompenso pressorio??????
quali accertamenti dovrei effettuare oltre all'holter pressorio??? l'ansia puo causare situazioni del genere????

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, lo stato ipertensivo di un individuo è francamente sensibile allo stato emotivo e agli stress fisici cui è sottoposto, per cui le alterazioni pressorie riscontrate potrebbero essere ampiamente giustificate dalle condizioni generali da lei descritte. In linea generale è opportuno effettuare oltre all'esame Holter anche un elettro- ed eco-cardiogramma, cui vanno aggiunte esami ematologici generali con valutazione della funzionalità tiroidea.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 108XXX

Iscritto dal 2009
egr. dottore la ringrazio per la sua opinione al riguardo preciso alcuni aspetti come da lei suggeriti:
nel mese di ottobre 2008 ho eseguito alcuni controlli ematici tra cui i parametri tiroidei tutti risultati nella norma al riguardo faccio presente che dal 2004 sono affetto da HCV gia trattato con terapia interferonica nel 2000 ho gia' effettuato un eco-cardio senza alcun risultato come anche nel 2004 un elettrocardio gramma a seguito ricovero ospedaliero sempre nella norma.
sono sottoposto a controlli ematici ogni sei mesi per quanto riguarda la patologia descritta sopra.
mi rendo conto che gli esami sono un po' vecchi secondo lei sarebbe utili rifarli e per quanto riguarda quelli ematici cosa in particolare consiglierebbe???
saluti