Utente 172XXX
Gentili dottori,
4 giorni fa mi sono svegliata dopo circa 3 ore che mi ero coricata con dei dolori verso l'addome alto e il petto.
Il tutto è stato un crescendo... ho svegliato mio marito a fatica per chiedere aiuto dopodichè l'oppressione al petto, dietro e agli arti superiori è diventata fortissima. Facevo fatica a respirare ed ero gelata e sudavo. Il tutto sarà durato circa 5 minuti in cui ho avuto la netta sensazione di morte.
Mio marito ha chiamato l'ambulanza ma ormai il peggio era passato e quello che era rimasto era solo una grande stanchezza, dolore addominale e pressione a 50 minima e 80 massima.
Secondo loro si è trattato di una congestione ma secondo me (visto che ho già avuto esperienza in proposito) no perchè per quanto simili non dovevo vomitare o altro.Oltre al fatto che questa forte oppressione si irradiava anche agli arti superiori e al viso. La seconda diagnosi poi (non appena mio marito ha riferito loro che facevo uso di citalopram- 16 gg./die perchè sono in cura per un disturbo ossessivo compulsivo) è stata "attacco di panico". E anche qui mi permetto di dissentire perchè avendo provato anche questo posso assicurare che è diverso. Poi hanno ipotizzato una debolezza dovuta al fatto che ho cicli mestruali abbondanti ravvicinati (ogni 20gg.)
Ad ogni modo sono rimasta fino a ieri molto debilitata con continui formicolii alle braccia, soprattutto quello sinistro con una piccola alterazione febbrile. Preciserei che per tutta la settimana che ha preceduto questo malore ho sofferto di forti nausee, stanchezza cronica e continui formicolii lungo tutto l'arto superiore sinistro.
Il mio medico curante mi ha prescritto degli esami generali del sangue, un ECG e una visita cardiologica.
In attesa di una risposta di questi esami che affronterò la prossima settimana posso chiedere alla luce di quanto ho raccontato se secondo voi potrebbe essersi trattato di un infarto?
Sono una donna di 42 anni, non fumo, colesterolo basso, snella (1,66 m. x 52 kg)
madre di due bimbi piccoli.
Ringraziando in anticipo, saluto cordialmente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, la sua sintomatologia, atipica per un eventuale interessamento cardiaco, sembra in realtà strettamente connessa ad una alterata attività gastro-enterica o comuque ad una patologia virale simil-influenzale. Considerati i suoi bassi fattori di rischio cardiologico, l'ipotesi infartuale è pressocché nulla. L'iter proposto dal suo curante è ottimale.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 172XXX

Iscritto dal 2006
Gentile Dottore,
la ringrazio per la risposta e per le sue rassicurazioni.
Questa settimana farò gli esami e riferirò i risultati.
Saluti