Utente 362XXX
Gent.mi Dottori, ricorro nuovamente a Voi per avere delle linee guida su ciò che è più conveniente fare, ringraziandoVi per questa importante opportunità che date a noi pazienti.

Circa un mese fà una mia parente ha contratto il virus della mononucleosi, ma non sapendolo ancora siamo state per un giorno intero insieme con lei che aveva una fortissima faringite e le linfoghiandole ingrossate.
Dopo circa 20 giorni dal nostro incontro, la scorsa settimana ho iniziato ad accusare una faringite che soprattutto di notte si intensificava, così ho iniziato a prendere degli antinfiammatori che mi calmavano il dolore senza però farlo scomparire.
Venerdi ho avuto un forte attacco di vertigini e malessere generale, pertanto sono stata portata al pronto soccorso sospettando una labirintite. Dalla visita ORL, però, è stato escluso qualsiasi coinvolgimento del labirinto e così sono stata dimessa.
Tornata a casa misuro la febbre e mi accorgo di avere una leggera febbriciattola (37.3) la quale ha oscillato tra i 36.9 e i 37.1 per i successivi 2 giorni.
Ad oggi fatico a stare in piedi, le gambe sono molto deboli e quando cammino dopo poco inizio ad avvertire dei capogiri. Se sto sdraiata o seduta non ho alcun problema, la temperatura è sempre massimo 36.5, ho solo dei dolori muscolari ma il forte mal di gola non mi abbandona.

Considerando tutto ciò ho chiamato il mio medico che mi ha prescritto il Monotest oltre che dei farmaci per il mal di gola e un antibiotico.

Vorrei aggiungere però un'altra cosa: sempre un mese fa, mia madre è stata ricoverata per un'indagine diagnostica e nella stessa stanza c'era una ragazza che nell'ultimo mese di gravidanza aveva contratto il citomegalovirus (aveva però una carica virale molto bassa tanto che il bimbo è nato senza alcun problema).

A questo punto gradirei un consiglio da Voi: siccome ho visto in internet che molto spesso il monotest non è attendibile, è meglio fare qualcos'altro oppure va bene il monotest e basta? eventualmente dopo quanto tempo è consigliabile farlo? E ancora... ho visto che l'infezione da citomegalovirus può essere confusa con quella da EBV, è così?
Vi sarei molto grata se ancora una volta vorrete aiutarmi con dei Vostri pareri.
Infinite grazie e sinceri saluti.
[#1] dopo  
Dr. Arduino Baraldi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Faccia i tests per mononucleosi ( VCA Ig G ed IgM ed EBNA IgG ) e Citomegalovirus. Il monotest, a parer mio, non è sempre attendibile
[#2] dopo  
Utente 362XXX

Iscritto dal 2007
Gent.mo Dott. Baraldi La ringrazio per la cortese risposta.
Alla fine il mio medico mi ha fatto fare non il monotest ma VCA IgG ed IgM, domani avrò i risultati.
Sono sufficienti questi due anticorpi oppure è meglio aggiungere in ogni caso EBNA IgG?
Per quanto riguarda il test del Citomegalovirus, nel caso i tests per mononucleosi siano positivi è meglio in ogni caso farlo?
Le sarei molto grata se vorrà ancora una volta aiutarmi.
Cordiali Saluti.
[#3] dopo  
Dr. Arduino Baraldi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Sì , è opportuno , sempre a mio parere, sia il test EBNA che la ricerca anticorpi per Citomegalovirus, comunque, ne parli sempre con il suo medico, perchè la decisione è sua
[#4] dopo  
Utente 362XXX

Iscritto dal 2007
Dottore la ringrazio veramente tanto! E' stato gentilissimo! Le auguro una buona serata