Utente 115XXX
Da vari mesi accuso afonia e/o forte reaucedine. Alla visita foniatrica è risultata, a seguito di laringoscopia, una disfonia funzionale con edema sul margine libero delle corde vocali vere ed ipotonia delle stesse. Il medico mi ha consigliato terapia logopedica con frequenza bisettimanale per 90 giorni.
Ho queste domande:
- due anni fa, per problemi simili mi furono prescritti solo cicli mensili di aereosol con clenil, cosa che ho continuato finora; è consigliabile affiancare alla terapia logopedica l'aereosol? e con che frequenza?
- nell'attesa di attivare la terapia logopedica (per la quale sto trovando molte difficoltà a Napoli) quali comportamenti devo usare, dal momento che la mattina insegno?
posso continuare a cantare saltuariamente (una o due volte al mese come corista)?
Spero di ricevere presto una risposta perché sono molto preoccupata e non so come comportarmi.
Vi ringrazio e complimenti per il vostro sito

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Agostino Canessa
28% attività
4% attualità
16% socialità
SESTRI LEVANTE (GE)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2007
salve, io personalmente sconsiglio la terapia aerosolica da riservare invece alle patologie bronchiali.
Per il canto sarebbe meglio aspettare che la voce torni normale altrimenti viene vanificata la logopedia.
La sua attivita' di insegnante produce indubbiamente un ulteriore stress alle corde vocali ma fortunatamente per lei deve resistere ancora per due settimane, lasci uscire la voce con spontaneita' senza "spingerla", se si parla lentamente utilizzando la corretta respirazione e' piu' facile farsi capire senza per forza dover alzare il tono della voce.
Per ultimo chieda al suo medico curante se puo' prescriverle una terapia con "inibitori di pompa", iniziando con due compresse al giorno per almeno tre settimane, dato che spesso le corde vocali risentono di reflussi gastrici che possono non essere avvertiti dalla persona.